Maltempo in Italia: scuole chiuse per neve, allerta a Senigallia

Il maltempo non molla la presa sull'Italia: ancora per giorni il Paese dovrà fare i conti con pioggia, temperature rigide e tanta neve. L'arrivo di correnti di aria fredda in discesa dal Nord Europa, quasi senza soluzione di continuità, determinerà ancora possibili sorprese nevose su molte regioni e nella giornata di oggi è atteso un nuovo peggioramento delle condizioni atmosferiche. Maltempo, scuole chiuse in molte regioni per la neve La neve caduta copiosa nelle ultime ore sta causando disagi in molte zone del Paese. Nevica a Bologna e precipitazioni molto intense stanno interessando l’Appennino romagnolo. Diversi Comuni dell’entroterra riminese hanno deciso di lasciare chiuse le scuole oggi: Novafeltria, Pennabilli, San Leo, Sant’Agata Feltria e Talamello. Allerta gialla, inoltre, per valanghe sull’Appennino emiliano centrale e sui rilievi romagnoli. Imbiancato anche il Centro. In Umbria, Norcia, Cascia, Preci e tutti gli altri borghi della Valnerina a valle dell'Appennino umbro sono sotto 40 centimetri di neve. I Comuni di Norcia e Cascia stamattina hanno chiuso tutte le scuole di ogni ordine e grado a causa della difficile situazione sulle strade. Ma la neve in Umbria sta cadendo anche a quote basse, come a Foligno e Spoleto, che oggi si sono risvegliateimbiancate. Così come Gubbio e Terni. La neve a Norcia (Umbria) (ansa) Forti precipitazioni stanno colpendo l'Abruzzo. Anche oggi, come accaduto sabato scorso, chiuse le scuole di ogni ordine e grado nel comune dell'Aquila. L'invito del sindaco Pierluigi Biondi è a mettersi in macchina "solo se strettamente necessario". In Molise, a causa del meteo, i sindaci di una decina di piccoli comuni (tra cui Casacalenda, Riccia, Trivento, Ripalimosani, Montorio, Oratino e Cercemaggiore) hanno deciso di tenere chiuse le scuole anche oggi. Si rientra in classe, invece, a Campobasso, dove nel fine settimana tutti gli accessi agli istituti scolastici sono stati liberati dalla neve. Stessa situazione in Puglia, dove nella notte si sono imbiancati alcuni paesi più in altura come Monte Sant'Angelo, San Giovanni Rotondo, San Marco in Lamis e Rignano Garganico. Scuole chiuse a Monteleone, borgo con l'altitudine maggiore della regione, e a Faeto. Nevica da ore anche sulla Basilicata. "Vista l'instabilità degli eventi atmosferici, sentiti Protezione civile e Magnifico Rettore, ho appena emanato un'ordinanza di chiusura delle scuole di ogni ordine e grado, per la giornata di oggi", ha fatto sapere il sindaco del capoluogo, Mario Guarente. I fiocchi sono arrivati anche in Sicilia: la neve è caduta nella provincia di Siracusa, che la scorsa estate ha toccato il record per le temperature più alte mai registrate in Italia (e in Europa). Imbiacati i paesi di Buccheri e Palazzolo. Maltempo, allerta fiumi nelle Marche A preoccupare di più nelle Marche sono le piogge. Precipitazioni intense, forti raffiche di vento e mare molto mosso stanno causando danni e disagi in varie zone della regione. Nell'area di Senigallia (Ancona), colpita dall'alluvione dei fiumi Misa e Nevola lo scorso settembre, "tutti gli idrometri a monte hanno superato i livelli di sicurezza, l'innalzamento continua costante". Il Comune fa sapere che l'ondata di piena del Misa "attraverserà il centro città presumibilmente verso le ore 9 di questa mattina"; "il Misa a Bettolelle è arrivato ai 3 metri superando i livelli di guardia". Per questo l'amministrazione ha invitato i cittadini a "salire ai piani alti". La piena del Misa a Senigallia, nelle Marche (ansa) A Trieste torna la bora Un forte vento di bora sta sferzando Trieste da diverse ore, facendo registrare raffiche oltre i 120 chilometri orari. Una situazione di maltempo - precisano Protezione Civile e Arpa Fvg - che dovrebbe permanere per tutta la giornata, anche con pioggia. Una condizione che mette sotto pressione soprattutto i Vigili del Fuoco chiamati in più punti della città per una quindicina gli interventi effettuati nella notte e in mattinata per mettere in sicurezza cornicioni, antenne, infissi, finestre e alberi. Molti i ciclomotori e le moto cadute. Stamani in alcune zone del Carso e comunque nelle zone alte di Trieste è tornata a cadere la neve, ma senza formare strato perchè spazzata dal vento. Date anche le condizioni del mare sono stati interrotti i collegamenti marittimi con il Comune di Muggia, che dunque si può raggiungere soltanto via terra. Meteo, le previsioni per i prossimi giorni Le correnti fredde in ingresso dalla Porta del Rodano - fanno sapere gli esperti del sito iLMeteo.it - favoriranno la formazione di un ciclone in grado di scatenare precipitazioni intense, anche sottoforma di temporali e violente raffiche di vento. Non ci saranno solo piogge intense, ma potrebbero tornare anche i fiocchi, in particolare al Centro e al Nord. Viste le temperature particolarmente basse è lecito attendersi fiocchi localmente su alcune zone di pianura, in particolare su quelle di Piemonte, Emilia Romagna e Lombardia (qui pioggia mista a neve in pianura); fino a bassissima quota invece su Veneto e Friuli Venezia Giulia.  Qualche nevicata portata dal forte vento dai quadranti settentrionali potrebbe fare la sua comparsa fino a quote di bassa collina sul versante adriatico di Marche e Abruzzo. Nei giorni a seguire, come confermano gli ultimi aggiornamenti, continuerà a insistere una circolazione depressionaria che richiamerà venti freddi nordorientali. In questo contesto ci saranno precipitazioni sulle regioni adriatiche centrali, sulle Isole Maggiori e poi sui settori ionici, con fiocchi fino a quote di collina. Altrove invece condizioni meteo più stabili con un leggero aumento delle temperature specie nelle ore centrali della giornata. Successivamente, gli ultimi aggiornamenti propendono per una nuova fase molto fredda a causa dell'ingresso di una massa d'aria gelida di origine artico-continentale che dalla Russia potrebbe raggiungere il nostro Paese. Se ciò venisse confermato è lecito attendersi un ulteriore drastico calo delle temperature che si porteranno sotto le medie climatiche di riferimento, soprattutto al Centro-Nord. Le previsioni meteo nel dettaglio Lunedì 23. Al nord: cielo coperto, precipitazioni su tutte le regioni, nevose fino a quote pianeggianti. Al centro: diffusa instabilità su gran parte dei settori, neve a quote collinari. Al Sud: più instabile sulle coste della Campania. Martedì 24. Al nord: a tratti instabile sul Piemonte occidentale con nevicate a quote collinari, possibili anche sul Friuli. Al centro: piogge su basso Lazio e Sardegna orientale, qui con neve a 800-900 metri. Al Sud: sempre piuttosto instabile sulla Sicilia; sole altrove. Mercoledì 25. Al nord: un po' instabile al Nordovest, soleggiato invece altrove. Al Centro: diffusa instabilità sulla fascia adriatica e in Sardegna. Al sud: maltempo su Puglia, Calabria e Sicilia ionica. 093859709-21976f50-88a7-4bea-864a-d19ecac82cef.jpg

Read more https://www.repubblica.it/cronaca/2023/01/23/news/maltempo_scuole_chiuse_in_emilia_romagna_abruzzo_basilicata_allerta_esondazioni_nelle_marche-384714880/?rss

  • "So’ tutt muort abbruciat", tema choc a Napoli per il Giorno della Memoria

    Sta suscitando polemiche il tema di un ragazzo di una scuola di Ponticelli a Napoli, l’Isis Archimede, sul Giorno della Memoria. L’argomento – come riferisce la Repubblica Napoli – è stato liquidato dal giovane, di quasi 18 anni, con un rigo solo: ‘so’ tutt muort abbruciat’ (sono tutti morti bruciati, ndr). Quando l...
  • Stipendi legati al costo della vita? C'è anche il no delle Regioni

    Ragionare con sindacati e Regioni sul costo della vita più alto al nord e trovare le soluzioni insieme per favorire, in termini di migliori guadagni, il personale scolastico, che proprio in quei territori scarseggia. Questo l’intento del ministro dell’Istruzione, Giuseppe Valditara, come ha chiarito lui stesso ma gli esponenti degli...
  • nuove accuse alla prof sospesa

    “La prof passava tra i banchi e si avvicinava. Aveva certi atteggiamenti. È successo non solo in classe ma anche fuori”. Emergono nuovi particolari sulla vicenda della docente (di 42 anni) sospesa dall’istituto superiore “Corni” di Modena e denunciata per adescamento di minore. Nei prossimi giorni tutta la classe coinvolta nel caso sarà sentita dag...
  • Bevono alcolici durante l'assemblea d'istituto: studenti soccorsi dall'ambulanza

    Un’assemblea d’istituto convocata in un cinema della città è “degenerata” in una festa alcolica con tanto di studenti che hanno accusato malori e un’ambulanza che è arrivata per prestare soccorso: è quanto è accaduto nei giorni scorsi a Modena (città già scenario del caso della prof denunciata per adescamento di minore per aver avuto atteggiamenti...
  • scelte le materie per la seconda prova della maturità

    Latino al classico e matematica allo scientifico, lingua 1 per il linguistico e scienze umane per il liceo delle scienze umane. Sono state pubblicate le materie della seconda prova della Maturità 2023: l’elenco completo, indirizzo per indirizzo, si trova sul sito del ministero dell’Istruzione e del merito. Quest’anno torna l’esame che aveva debutta...
  • Gli insegnanti bocciano la scuola di Valditara: “Giusto adeguarsi all’Europa, non al costo della vita”

    Dopo la proposta del ministro sulle retribuzioni differenziate, il coro unanime dei prof: "Pensi piuttosto ad alzare gli stipendi a tutti"...
  • Stipendi differenziati ai prof e fondi privati, è scontro sulla scuola di Valditara. Landini: "Follia tornare alle gabbie salariali"

    L'idea del ministro divide docenti, presidi, sindacati e partiti. Anp: "Proposta sensata". M5s: "Così solo disuaglianze". Contraria anche l'Unione degli studenti: gli istituti "non sono aziende ed è necessario che mantengano la propria indipendenza anche dal punto di vista......
  • Maturità 2023, ecco le materie della seconda prova: Latino al classico e Matematica allo scientifico

    L'esame di Stato torna al passato, dopo tre anni scolastici in cui ha visto rilevanti modifiche dovute all'emergenza epidemiologica. Le Commissioni d'esame sono composte da un presidente e da tre membri esterni, e tre docenti interni...
  • "Mai messo in discussione il contratto nazionale"

    Nessuna divisione tra Nord e Sud, almeno per quel che riguarda gli stipendi dei docenti. Il ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, aggiusta il tiro e specifica di non aver mai parlato di compensi più alti per i prof che insegnano dall’Emilia-Romagna in su. “Non è mai stato messo in discussione il contratto nazionale del mondo de...
  • Spari in classe, la prof adesso vuole querelare la Littizzetto

    Potrebbero costare una denuncia per diffamazione le considerazioni della comica Luciana Littizzetto sul caso della professoressa di Rovigo colpita da alcuni pallini di plastica sparati da una pistola ad aria compressa in classe. La docente, come riporta il Corriere della Sera, starebbe valutando l’eventualità di denunciare la Littizzetto per di...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner o cliccando su OK acconsenti all’uso dei cookie.