Il taglio dei quesiti incriminati!

L'ultimo decreto di Fabio Mussi legalizza di fatto le prove di ammissione ai test di Medicina e Chirurgia, tagliando due delle domande più incriminate (ma lasciandone altre due incerte). Di fatto quindi il Ministro tenta di normalizzare una situazione spinosa semplicemente prendendo atto della inesattezza delle due domande e chiede di conteggiare solamente 78 quesiti su 80, ammettendo quindi le colpe del Ministero e della Commissione che doveva formulare le domande.
Questo provvedimento però non risolve affatto i problemi legati ai ricorsi degli studenti esclusi dalle prove e gli interrogativi dei processi in corso....la situazione rischia addirittura di farsi più ingarbugliata.
Che dire, staremo a vedere....

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner o cliccando su OK acconsenti all’uso dei cookie.