SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE: SI PARTE CON LA PRIMA PROVA

 (TRA POLEMICHE E SENTENZE CHE TARDANO AD ARRIVARE)

Volevamo raccontarvi un’altra storia, ed invece eccoci qui ad augurare a tutti gli aspiranti specializzandi  un grosso in bocca al lupo per questo concorso che continua a lasciarci a bocca aperta per dei ricorsi che attendono ancora delle sentenze che tardano ad arrivare; addirittura alcune di queste sono state rinviate al 17 Giugno e nello specifico quella che riguarda il ricorso presentato al TAR del Lazio dall’Università Politecnica delle Marche insieme all’Università Magna Grascia di Catanzaro.
In controtendenza, invece, l’ordinanza del TAR Puglia che, in data 05/06/2009, accoglieva il ricorso presentato dall’Università degli studi di Foggia e di fatto consentiva l’annullamento previa sospensione dell’efficacia del decreto del MIUR del 31.3.2009 limitatatamente alla soppressione delle 18 scuole di specializzazione in seguito all’accorpamento delle stesse con l’Università degli studi di Bari; questa sentenza non solo è stata emessa in tempi rapidi, premiando l’iniziativa dell’ateneo foggiano ed evitando così agli aspiranti specializzandi inutili disagi (perdita di tempo e denaro per recarsi ad un concorso che si sarebbe dovuto ripetere con altre modalità), inoltre costituisce di fatto un’importante precedente per i ricorsi presentati dalle Università di Ancona, Catanzaro e Perugia, e che ci auguriamo venga recepito in tempi brevi dai TAR Regionali.
Nel frattempo esprimiamo tutta la nostra solidarietà a chi oggi, sostenendo la prima prova, vivrà l’ennesima situazione di disagio perché forse domani o forse il 17 potrebbe arrivare quella sentenza che potrebbe rimettere in discussione tutto e dire tra le righe: ”scusate il ritardo ma abbiamo accettato il vostro ricorso….quindi siete invitati a ripresentarvi in data da destinarsi”.

  • In piazza per Lorenzo. Gli studenti: "Questa alternanza uccide, Bianchi non ci ascolta"

    Domani sono previsti presidi e cortei in tutta Italia, da Milano fino a Palermo, per ricordare Lorenzo Parelli lo studente di Udine morto a 18 anni mentre stava facendo uno stage in un’azienda metalmecanica. Il maggior concentramento di studenti sarà, però, proprio ad Udine dove la manifestazione partirà dalle ore 9:00 in Piazza Primo Ma...
  • giocatore di calcio della Nazionale egiziana finisce nei guai

    Ha mandato un suo sosia a sostenere un esame universitario mentre lui era impegnato a giocare una partita di calcio in Coppa d’Africa con la sua Nazionale. È la surreale storia che riguarda Mostafa Mohamed, attaccante del Galatasaray e dell’Egitto, finito nei guai per aver chiesto a un’altra persona (a lui molto somigliante) di sos...
  • "Faccio sesso anche a 80 anni"

    “Lei vuol sapere se c’è del sesso? Sì, c’è, facciamo l’amore ancora, perché fare l’amore fa bene alla vita. A qualunque età”. Così Iva Zanicchi in un’intervista al Corriere della Sera parla della sua vita privata che, alla veneranda età di 82 primavere, sembra non poter transigere dall’attività sessuale. “Il...
  • Tampone, Dad, quarantena: ecco cosa cambierà

    Annunciata una circolare Salute-Istruzione che eliminerà il certificato di rientro a scuola per gli studenti a cui basterà esibire un tampone rapido. Ieri in una riunione tra le Regioni e Gianni Rezza della Prevenzione del ministero, Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità e Silvio Brusaferro dell’Istituto superiore di sani...
  • Covid, la distanza di un metro non basta se si parla. Lo studio dell'Università di Torino

    Il Covid può essere trasmesso per via aerea in ambienti chiusi non solo tramite le goccioline respiratorie di più grandi dimensioni. Lo afferma uno studio del Centro regionale di Biologia molecolare dell’Arpa Piemonte (Agenzia regionale per la protezione ambientale), in collaborazione con il Laboratorio di Virologia Molecolare e Ricerca Antivirale...
  • "Università gioca ruolo fondamentale per non far dimenticare l'orrore dell'Olocausto"

    “Tutti i giorni dell’anno dovrebbero essere Giorni della Memoria. L’aspetto forse più importante delnon dimenticare gli orrori del passato, del mantenere viva la memoria delle vittime, come ha sempre sottolineato la senatrice Liliana Segre, è sconfiggere l’indifferenza”. È il messaggio del ministro de...
  • Scuola, il monitoraggio dei presidi: "Lezione a distanza per una classe ogni tre"

    I dati Anp mostrano una situazione più grave rispetto a numeri offerti dal ministro Bianchi. Le rilevazioni delle Regioni confermano che i contagi in aula continuano a peggiorare: in Veneto coinvolta una classe ogni due. Il ministero dell'Istruzione non rende pubblici i suoi......
  • Dad, i dati dei presidi che smentiscono il ministro Bianchi

    Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione Nazionale Presidi, presenta idati risultati dal sondaggio presso gli iscritti sul contagio e dad a scuola, regione per regione. I dati sono stati forniti da 1300 dirigenti scolastici e sono relativi alla giornata di venerdì 21 gennaio. “Molti soci nelle scorse settimane ci hanno chiesto...
  • Neet, un piano del governo per i giovani che non studiano e non lavorano

    La scorsa settimana il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, e la ministra per le Politiche giovanili, Fabiana Dadone, hanno firmato un decreto congiunto che definisce regole, compiti e azioni del “Piano Neet” del governo Draghi. Qual è l’obiettivo del piano? Ridurre gli oltre tre milioni nella fascia di età 15-34 anni che non s...
  • Il minuto di silenzio per Giulio. Sono sei anni dalla morte del ricercatore - Il video

    “Vogliamo azioni concrete dalla politica”, è l’appello mosso ieri dalla mamma di Giulio Regeni, Paola Deffendi, mentre era a Fiumicello, in occasione dello scoprimento della targa che intitola il parco scolastico locale al figlio. Sono passati sei anni da quando non si seppe più nulla del ricercatore che si trovava al Cairo. &#8...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner o cliccando su OK acconsenti all’uso dei cookie.