Anniversario caduta del muro di Berlino

21 anni fa cadeva finalmente l'odiato Muro di Berlino

muroberlino

La storia del Muro di Berlino comincia nel 1961, come diretta conseguenza della Seconda Guerra Mondiale e della successiva Guerra Fredda tra i due blocchi, quello sovietico e quello occidentale. La Germania è divisa fra Est filosovietico e Ovest filoccidentale. Ad Est la realizzazione pratica delle idee comuniste (collettivizzazione forzata dell'agricoltura, repressione dell'industria e del commercio privati, ateismo di stato, controllo e censura dei media) provoca un vero e proprio esodo di cittadini verso la Germania dell'Ovest: nei mesi che vanno da gennaio ad aprile fuggono dal "paradiso socialista" 160mila persone. Una situazione insostenibile per il regime comunista di Walter Ulbricht, che la mattina del 13 agosto 1961 dà  il via alla costruzione dell'imponente Muro che divise così la città  di Berlino per 28 lunghi anni. La propaganda comunista cercಠdi giustificare una simile iniziativa definendo il muro "una necessaria protezione contro i fascisti", ma era del tutto evidente che in quel modo si costringevano tanti cittadini tedeschi dentro un recinto, privati di molti amici, di molti parenti, della Libertà  e della Patria.  Oltrepassare il Muro diventa impresa assai rischiosa, tanto che un centinaio di berlinesi dell'est moriranno nel tentativo di scavalcarlo, uccisi dai poliziotti del governo comunista, i Vopos. Il 9 novembre del 1989, Gà¼nther Schabowski, leader del partito comunista di Berlino est, annuncia la crisi politica e la resa: con parole ambigue dice che da quel momento il Muro viene aperto per permettere "viaggi personali all'estero". Sono le sette di sera, una moltitudine di cittadini dell'Est si arrampicಠsul Muro e lo superà², per raggiungere gli abitanti della Germania Ovest dall'altro lato in un'atmosfera di grande festa. Il Muro viene fatto a pezzi dal popolo tedesco. Il crollo del Muro di Berlino rappresenta un punto di svolta della storia: un intero sistema politico e ideologico (il comunismo) svaniva per lasciare il posto ad una luminosa speranza di cambiamento, basata sulla restaurazione di valori mai obliati. Il parlamento italiano, con la legge n. 61 del 15 aprile 2005 ha dichiarato il 9 novembre "Giorno della libertà ", quale ricorrenza dell'abbattimento del Muro.

SABATO 13 NOVEMBRE ABBATTEREMO INSIEME UN MURO SIMBOLICO PER RIAFFERMARE INSIEME LA NOSTRA VOGLIA DI LIBERTA', LA NOSTRA VOGLIA DI VIVERE OLTRE OGNI MURO!

 

------Appuntamento Sabato 13 novembre ore 18:00 in Piazza Roma ad Ancona-----

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner o cliccando su OK acconsenti all’uso dei cookie.