Il nostro Impegno

IL PROGETTO di "Università Europea - Azione Universitaria"

Vogliamo cambiare l'Universita' degli studi di Ancona (Oggi con l'altisonante nome di Università Politecnica delle Marche) per difendere il diritto allo studio e per essere protagonisti nell'Universita'.
Malgrado il cambiamento del nome i problemi sono sempre gli stessi di sempre:
 

  • parcheggi stracolmi
  • aule affollate
  • tasse in aumento
  • servizi pressochè inesistenti.

L'unica cosa che cambia ogni anno è l'importo delle tasse
che ovviamente è sempre e solo in aumento.

L'ultima riforma 3+2 Zecchino-Berlinguer ha solamente aumentato la confusione tra gli studenti (Tra materie del vecchio e del nuovo ordinamento, esami cancellati e corsi disattivati e possibilità di una futura riforma Moratti con percorso a Y)

La 3+2, una riforma realizzata per creare solo nuove cattedre da assegnare poi agli "amici degli amici".
Una raccolta punti per laurearsi come per le merendine...
in premio la disoccupazione.
Per questo e per mille altri motivi vogliamo
un'Università diversa...

Vogliamo una reale applicazione del diritto allo studio.
Vogliamo professori che facciano i professori.
Vogliamo gli alloggi per gli studenti fuori sede.
Vogliamo una vera politica di sostegno per i portatori di handicap.
Vogliamo una cultura d'impresa che avvicini lo studente al mondo del lavoro
Vogliamo una commissione che vigili sui fondi destinati ai servizi.

Oltre e non prepararci minimamente al mondo del lavoro, quest'Università ci allontana sempre più dagli altri.
Lezioni, file interminabili, esami.

A questo grigiore,
a questa monotonia,
noi ciribelliamo.

Sostieni il nostro movimento:

 

Partecipa attivamente alle attività di rappresentanza studentesca.
Suggerisci miglioramenti e denuncia le eventuali irregolarità di cui vieni a conoscenza.
Esprimi il tuo voto durante le elezioni universitarie: è un tuo Diritto.

 


Oltre a questo in Università Europea - Azione Universitaria esiste anche una forte corrente nazionalista e sociale

  • Vogliamo riscoprire l'identita' nazionale e il senso profodo della parola PATRIA
  • Vogliamo emozionarci davanti a un tricolore o al ricordo di Falcone e Borsellino.
  • Vogliamo le riforme istutuzionali, un nuovo modello di difesa, una politica di riarmo incisiva e una politica estera autonoma per assumere un ruolo di primo piano a livello internazionale.
  • Vogliamo ridare dignità al nostro popolo nella sua diversita' ed unita'.

Tutto questo in un'Europa unificata da comuni radici (quelle Cristiane, vigliaccamente taciute dalla Nuova Costituzione Europea), dal medesimo destino e dal suo essere nazione.

  • "So’ tutt muort abbruciat", tema choc a Napoli per il Giorno della Memoria

    Sta suscitando polemiche il tema di un ragazzo di una scuola di Ponticelli a Napoli, l’Isis Archimede, sul Giorno della Memoria. L’argomento – come riferisce la Repubblica Napoli – è stato liquidato dal giovane, di quasi 18 anni, con un rigo solo: ‘so’ tutt muort abbruciat’ (sono tutti morti bruciati, ndr). Quando l...
  • Stipendi legati al costo della vita? C'è anche il no delle Regioni

    Ragionare con sindacati e Regioni sul costo della vita più alto al nord e trovare le soluzioni insieme per favorire, in termini di migliori guadagni, il personale scolastico, che proprio in quei territori scarseggia. Questo l’intento del ministro dell’Istruzione, Giuseppe Valditara, come ha chiarito lui stesso ma gli esponenti degli...
  • nuove accuse alla prof sospesa

    “La prof passava tra i banchi e si avvicinava. Aveva certi atteggiamenti. È successo non solo in classe ma anche fuori”. Emergono nuovi particolari sulla vicenda della docente (di 42 anni) sospesa dall’istituto superiore “Corni” di Modena e denunciata per adescamento di minore. Nei prossimi giorni tutta la classe coinvolta nel caso sarà sentita dag...
  • Bevono alcolici durante l'assemblea d'istituto: studenti soccorsi dall'ambulanza

    Un’assemblea d’istituto convocata in un cinema della città è “degenerata” in una festa alcolica con tanto di studenti che hanno accusato malori e un’ambulanza che è arrivata per prestare soccorso: è quanto è accaduto nei giorni scorsi a Modena (città già scenario del caso della prof denunciata per adescamento di minore per aver avuto atteggiamenti...
  • scelte le materie per la seconda prova della maturità

    Latino al classico e matematica allo scientifico, lingua 1 per il linguistico e scienze umane per il liceo delle scienze umane. Sono state pubblicate le materie della seconda prova della Maturità 2023: l’elenco completo, indirizzo per indirizzo, si trova sul sito del ministero dell’Istruzione e del merito. Quest’anno torna l’esame che aveva debutta...
  • Gli insegnanti bocciano la scuola di Valditara: “Giusto adeguarsi all’Europa, non al costo della vita”

    Dopo la proposta del ministro sulle retribuzioni differenziate, il coro unanime dei prof: "Pensi piuttosto ad alzare gli stipendi a tutti"...
  • Stipendi differenziati ai prof e fondi privati, è scontro sulla scuola di Valditara. Landini: "Follia tornare alle gabbie salariali"

    L'idea del ministro divide docenti, presidi, sindacati e partiti. Anp: "Proposta sensata". M5s: "Così solo disuaglianze". Contraria anche l'Unione degli studenti: gli istituti "non sono aziende ed è necessario che mantengano la propria indipendenza anche dal punto di vista......
  • Maturità 2023, ecco le materie della seconda prova: Latino al classico e Matematica allo scientifico

    L'esame di Stato torna al passato, dopo tre anni scolastici in cui ha visto rilevanti modifiche dovute all'emergenza epidemiologica. Le Commissioni d'esame sono composte da un presidente e da tre membri esterni, e tre docenti interni...
  • "Mai messo in discussione il contratto nazionale"

    Nessuna divisione tra Nord e Sud, almeno per quel che riguarda gli stipendi dei docenti. Il ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, aggiusta il tiro e specifica di non aver mai parlato di compensi più alti per i prof che insegnano dall’Emilia-Romagna in su. “Non è mai stato messo in discussione il contratto nazionale del mondo de...
  • Spari in classe, la prof adesso vuole querelare la Littizzetto

    Potrebbero costare una denuncia per diffamazione le considerazioni della comica Luciana Littizzetto sul caso della professoressa di Rovigo colpita da alcuni pallini di plastica sparati da una pistola ad aria compressa in classe. La docente, come riporta il Corriere della Sera, starebbe valutando l’eventualità di denunciare la Littizzetto per di...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner o cliccando su OK acconsenti all’uso dei cookie.