Il nostro Impegno

IL PROGETTO di "Università Europea - Azione Universitaria"

Vogliamo cambiare l'Universita' degli studi di Ancona (Oggi con l'altisonante nome di Università Politecnica delle Marche) per difendere il diritto allo studio e per essere protagonisti nell'Universita'.
Malgrado il cambiamento del nome i problemi sono sempre gli stessi di sempre:
 

  • parcheggi stracolmi
  • aule affollate
  • tasse in aumento
  • servizi pressochè inesistenti.

L'unica cosa che cambia ogni anno è l'importo delle tasse
che ovviamente è sempre e solo in aumento.

L'ultima riforma 3+2 Zecchino-Berlinguer ha solamente aumentato la confusione tra gli studenti (Tra materie del vecchio e del nuovo ordinamento, esami cancellati e corsi disattivati e possibilità di una futura riforma Moratti con percorso a Y)

La 3+2, una riforma realizzata per creare solo nuove cattedre da assegnare poi agli "amici degli amici".
Una raccolta punti per laurearsi come per le merendine...
in premio la disoccupazione.
Per questo e per mille altri motivi vogliamo
un'Università diversa...

Vogliamo una reale applicazione del diritto allo studio.
Vogliamo professori che facciano i professori.
Vogliamo gli alloggi per gli studenti fuori sede.
Vogliamo una vera politica di sostegno per i portatori di handicap.
Vogliamo una cultura d'impresa che avvicini lo studente al mondo del lavoro
Vogliamo una commissione che vigili sui fondi destinati ai servizi.

Oltre e non prepararci minimamente al mondo del lavoro, quest'Università ci allontana sempre più dagli altri.
Lezioni, file interminabili, esami.

A questo grigiore,
a questa monotonia,
noi ciribelliamo.

Sostieni il nostro movimento:

 

Partecipa attivamente alle attività di rappresentanza studentesca.
Suggerisci miglioramenti e denuncia le eventuali irregolarità di cui vieni a conoscenza.
Esprimi il tuo voto durante le elezioni universitarie: è un tuo Diritto.

 


Oltre a questo in Università Europea - Azione Universitaria esiste anche una forte corrente nazionalista e sociale

  • Vogliamo riscoprire l'identita' nazionale e il senso profodo della parola PATRIA
  • Vogliamo emozionarci davanti a un tricolore o al ricordo di Falcone e Borsellino.
  • Vogliamo le riforme istutuzionali, un nuovo modello di difesa, una politica di riarmo incisiva e una politica estera autonoma per assumere un ruolo di primo piano a livello internazionale.
  • Vogliamo ridare dignità al nostro popolo nella sua diversita' ed unita'.

Tutto questo in un'Europa unificata da comuni radici (quelle Cristiane, vigliaccamente taciute dalla Nuova Costituzione Europea), dal medesimo destino e dal suo essere nazione.

  • "Troppo tardi per sostenere l'esame"

    È riuscito a superare la prova più difficile, quella di svegliarsi dal coma dopo un incidente, ma adesso a causa della lunga riabilitazione a cui deve sottoporsi non potrà sostenere l’esame di terza media e per questo rischia la bocciatura. È l’incredibile storia di uno studente di 14 anni di Massa, in Toscana. Il ragazzo, come racconta il quoti...
  • Ucraina, raid russo su Kharkiv: colpita una scuola

    Un’altra notte di paura in Ucraina, dove le sirene hanno suonato in diverse città dell’est e a nord del paese colpite dai raid russi. A Kharkiv alle 4 di questa mattina è stata attaccata una scuola superiore. Fortunatamente non ci sono state vittime, come rende noto Oleh Synyehubov, il governatore della regione del nord d...
  • "Ius Scholae? La priorità è il rinnovo del contratto dei docenti. 50 euro di aumento non bastano"

    Meglio il contratto dei docenti che lo Ius Scholae: è il pensiero del sottosegretario all’Istruzione Rossano Sasso che torna a chiedere un impegno del (suo) Governo sul fronte del rinnovo del contratto degli insegnanti e, al tempo stesso, un rallentamento della discussione sulla riforma delle norme per la concessione della cittadinanza.   “Il PD...
  • Aerazione a scuola, lettera dei presidi del Lazio: “Dove sono i fondi e le linee guida?”

    Le linee guida per l’areazione nelle scuole erano state annunciate a febbraio ma mai emanate, la denunciai in una lettera. Ora la questione aerazione nelle scuole è diventata più importante visto che Sars Cov 2, con la sua contagiosissima sotto variante Omicron 5, sta dilagando e ha portato il numero dei positivi “ufficiali” a oltre un milio...
  • Scrutini e valutazione finale devono essere pagati come extra ai supplenti: Ministero condannato

    La data da tenere bene in mente è quella del 30 aprile: dopo quel giorno, infatti, secondo le norme del contratto nazionale tutti i supplenti hanno diritto a portare a termine l’anno scolastico ma scrutini e valutazione degli alunni dovranno essere pagati come extra. È quanto ha stabilito il Tribunale di Napoli che, con una sentenza dello scorso 21...
  • Dopo 18 anni di università non si laurea: stop al mantenimento del padre confermato dal tribunale

    Il giudice Carla Hubler ha deciso che va “sospeso l’assegno in ragione del principio di autoresponsabilità” per la laurea mancata. La corte ha “tenuto conto dell’età della figlia, del tempo trascorso dall’iscrizione all’università e del tenore della documentazione sul percorso degli studi”. Laurea...
  • nel 40% dei casi le offese riguardano etnia e orientamento sessuale

    Il bullismo, dopo la parentesi del lockdown, è tornato a scuola. A rivelarlo è una ricerca dell’Università di Torino, promossa dal Corecom e dalla Regione su un campione di circa mille studenti, trecento docenti e cento esponenti del personale Ata in tutto il Piemonte. L’indagine segnala come si sia registrato un rallentamento del bullismo e...
  • All'Università di Torino la prima tesi di laurea al mondo discussa nel Metaverso

    Sarà l’Università di Torino a conquistare il primato della prima laurea discussa nel Metaverso. Domani pomeriggio al Campus Einaudi, Edoardo Di Pietro, giovane studente toscano appassionato di tecnologia e nuovi media, laureando del corso magistrale in Comunicazione, Ict e Media, discuterà insieme al suo relatore, Michele Cornetto, profe...
  • Pnrr scuola, polemica di presidi ed esperti sui fondi per la dispersione scolastica: "Intervenga l'UE"

    E’ polemica sul mezzo miliardo dei fondi del Pnrr distribuito alle scuole per arginare il fenomeno della dispersione scolastica. Gli esperti convocati dal ministro per mettere a punto misure sulla dispersione scolastica sbattono la porta delusi: così non va. Ci sono istituti in quartieri difficili e in periferie a rischio che non hanno ri...
  • dopo la maturità solo il 63% vuole continuare a studiare

    L’Università piace sempre di meno agli adolescenti italiani. Al contrario, invece, cresce sempre di più il desiderio di partire dopo il diploma, magari all’estero. È il quadro che emerge dall’edizione 2022 dell’indagine nazionale sugli stili di vita degli adolescenti che vivono in Italia, realizzata dalla associazione no-profit Labora...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner o cliccando su OK acconsenti all’uso dei cookie.