“i Giovani non vogliono sovvenzioni, vogliono opportunità” CorriereUniv.it – Corriere dell'Università Job

Argomento caldo quello della disoccupazione giovanile. Una spina nel fianco di molti governi che non riescono ad arginare un fenomeno fuori controllo in Italia, ma anche in molti altri paesi del resto d’Europa. Anche il governatore della Bce Mario Draghi è intervenuto da Dublino sul tema, così come riporta l’agenzia AdnKronos. “In diversi paesi il peso della crisi è caduto in modo sproporzionato sui giovani, lasciando un’eredità di speranze fallite, di rabbia e, infine, di sfiducia nei valori della nostra società e nell’identità della nostra democrazia”. Lo sottolinea in un discorso a Dublino il presidente della Bce Mario Draghi aggiungendo: i giovani “non vogliono vivere sulle sovvenzioni, vogliono lavorare e espandere le loro opportunità”. Per questo i governi dovrebbero “rispondere alle loro domande e creare un ambiente in cui le loro speranze abbiano una possibilità”. In ogni caso, “la ripresa economica in atto nell’area dell’euro ha portato a un miglioramento delle condizioni del mercato del lavoro, il PIL reale dell’area dell’euro è cresciuto per 17 quarti consecutivi, creando complessivamente oltre 6 milioni di posti di lavoro”, sottolinea Draghi osservando che “di conseguenza, dal suo picco nel 2013, il tasso di disoccupazione giovanile è sceso dal 24% a circa il 19% nel 2016, ma è ancora circa 4 punti percentuali superiore a quello all’inizio della crisi del 2007”.

Read more http://feedproxy.google.com/~r/CorriereUniversita/~3/KAk3PtPDTIs/

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner o cliccando su OK acconsenti all’uso dei cookie.