“Lasciate ai ragazzi la libertà di sbagliare” CorriereUniv.it – Corriere dell'Università Job

Giada De Filippo si è tolta la vita dopo aver detto ai genitori che stava per laurearsi. Un professore ha scritto una lettera toccante che prende spunto da questa tragica vicenda. “L’Università non è una gara, non serve per dare soddisfazione alle persone che ci circondano, non è una affannosa corsa ad ostacoli verso il lavoro. Studiare significa seguire la propria intima vocazione. Il percorso di studi pone lo studente davanti a se stesso. Cerchiamo di spiegarlo bene ai nostri ragazzi”. Una lettera toccante e struggente a poche ore da una tragedia, un consiglio appassionato e un monito per studenti e genitori. C’è tutto questo e molto altro nel testo, affidato a un post su Facebook, scritto da Guido Saraceni, professore di Filosofia del Diritto e Informatica Giuridica presso l’Università di Teramo. Lo ha scritto commentando la morte di Giada De Filippo, una ragazza di 26 anni che si è lanciata dal tetto dell’università di Napoli. Aveva convocato parenti e amici, dal Molise, per la sua discussione di laurea in Scienze Naturali. Solo che Giada era ancora indietro con gli esami, e in quella sessione di laurea il suo nome non figurava. Una bugia detta da una ragazza che non riusciva a sostenere il peso della pressione. La necessità di laurearsi, di uniformarsi a determinati canoni imposti dalla nostra società, per i quali se non completi in tempo gli studi rischi di essere considerato uno scansafatiche, magari un fallito. Ecco il perché di questa messa in scena, con cui Giada voleva fare felici il fidanzato, i genitori, i parenti e tutti i suoi amici, dimostrando che ce l’aveva fatta. Proprio a poche ore dalla presunta discussione, con il fidanzato e i genitori che stavano arrivando e che chiedevano le chiedevano dove recarsi, Giada non ce l’ha più fatta, e ha ceduto al peso di non poter mantenere la sua promessa. È salita sul tetto dell’università di Napoli e si è lanciata nel vuoto. Nella sua lettera, il professor Guido Saraceni ha preso spunto da questo tragico episodio per ricordare a tutti come i ragazzi debbano essere lasciati liberi di seguire la loro vocazione senza essere caricati di pressioni eccessive. La libertà di essere se stessi, di poter sbagliare, di non dover inseguire la perfezione: questo è ciò che, ricorda Saraceni, andrebbe insegnato ai ragazzi.

Read more http://feedproxy.google.com/~r/CorriereUniversita/~3/nNxtHweJdOs/

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner o cliccando su OK acconsenti all’uso dei cookie.