Ancora una vittima si Internet, 14enne trovato morto per colpa del “Blackout game” CorriereUniv.it – Corriere dell'Università Job

Un ragazzo di 14 anni è stato trovato morto in casa, vittima della nuova sfida lanciata su Internet, il “blackout”. Prima della morte aveva guardato “Le 5 sfide per sballarsi senza droga”, un video che mostrava una serie di comportamenti ad alto rischio. La Procura apre un fascicolo per istigazione al suicidio. Cos’è il blackout game? Il ‘blackout game’, noto anche come ‘gioco dello svenimento’, è una sorta di gioco del soffocamento in cui le persone, spesso adolescenti sfidano la morte rimanendo il più a lungo possibile senza ossigeno. Un gioco macabro che può essere praticato da soli o in compagnia, usando corde o le braccia di un amico strette attorno al al collo. Lo scopo è quello di provare l’ebbrezza di quando si rimane senza ossigeno a 7.000 metri di altitudine oppure quando si sta per morire. L’ultimo passo di questa sfida suicida è riuscire a perdere i sensi per poi rinvenire dopo pochi secondi in preda all’euforia, il tutto davanti ad una webcam che riprende in presa diretta. Il gioco è suddiviso in vari livelli e il giovane sarebbe arrivato fino al numero 5, uno dei più estremi, nel quale sarebbe dovuto riuscire a perdere i sensi e risvegliarsi dopo poco. Basta digitare la parola ‘blackout’ sul web per rendersi conto che si tratta di una pratica molto diffusa tra i giovanissimi. Sfide estreme, prove di coraggio tra giovani che vogliono dimostrare così di essere “forti”.

Read more http://feedproxy.google.com/~r/CorriereUniversita/~3/e89QtxwuFI0/

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner o cliccando su OK acconsenti all’uso dei cookie.