UEFA Youth League, la Lega UEFA della Gioventù CorriereUniv.it – Corriere dell'Università Job

L’UEFA Youth League (letteralmente Lega UEFA della Gioventù) è un torneo calcistico giovanile europeo per squadre di club maschili Under-19 che si tiene a partire dalla stagione 2013-2014.[2] Si svolge da settembre ad aprile. Il lancio della competizione segue una richiesta fatta nel 2010 dai club e arriva in seguito alla collaborazione tra la European Club Association (ECA) e altri portatori di interessi. La UEFA in precedenza aveva organizzato una partita Under-18 tra le squadre primavera delle due finaliste della Champions League 2009-2010 nel maggio 2010, ovvero Inter e Bayern Monaco. La sfida vide la squadra nerazzurra imporsi per 2-0 grazie ad una doppietta di Alibec[3]. L’edizione del 2010, nota come Champions Under-18 Challenge, si può dunque considerare antesignana della UEFA Youth League. La competizione è pensata come una versione giovanile della ben più nota UEFA Champions League: l’accesso alla fase a gironi è, infatti, riservato alle formazioni Under-19 delle squadre che si sono qualificate alla fase a gironi della competizione maggiore.[2] L’obiettivo della competizione è far acquisire maturità ed esperienza internazionale ai giovani calciatori al fine di un miglior inserimento, in futuro, nelle squadre maggiori.[2] Già nel 2010 alcuni club europei avevano creato la NextGen Series, con struttura e obiettivi molto simili. Tale competizione non è, però, mai stata riconosciuta dalla UEFA e si distingueva, inoltre, dall’essere accessibile su invito, senza alcun meccanismo di qualificazione.   Nella UEFA Youth League, le rappresentative Under 19 delle 32 squadre iscritte alla UEFA Champions League sono affiancate dalle vincitrici del campionato di 32 nazioni. PartecipantiLa competizione è aperta alle seguenti 64 squadre:a) Le 32 rappresentative Under 19 delle squadre che partecipano alla fase a gironi di UEFA Champions League 2015/16 seguono il percorso UEFA Champions League.b) Le squadre vincitrici del campionato nelle prime 32 nazioni del ranking UEFA (utilizzato anche per decidere l’accesso alla UEFA Champions League e alla UEFA Europa League) seguono il percorso Campioni nazionali. • Se una squadra è idonea per entrambi i percorsi, segue il percorso UEFA Champions League.• In caso di posto vacante nel percorso UEFA Champions League, l’amministrazione UEFA definirà i criteri di sostituzione.• In linea di massima, i posti vacanti nel percorso Campioni nazionali (anche quando un club è idoneo per il percorso UEFA Champions League) vengono colmati dalla vincitrice del campionato della nazione successiva nel ranking Percorso UEFA Champions LeagueLe 32 squadre che entrano in gara tramite la UEFA Champions League si sfidano in gironi e in date identici a quelli della competizione maggiore. Le otto vincitrici dei gironi si qualificano direttamente agli ottavi, mentre le otto seconde accedono agli spareggi. Percorso Campioni nazionaliLe 32 squadre disputano due turni a eliminazione diretta con gare di andata e ritorno. Le otto vincitrici accedono agli spareggi. SpareggiLe otto squadre provenienti dal percorso Campioni nazionali saranno padrone di casa e affronteranno in gara unica le otto seconde del percorso UEFA Champions League, decidendo così le altre otto partecipanti agli ottavi. Fase a eliminazione diretta e finale La fase a eliminazione diretta inizia dagli ottavi e prevede singoli incontri. Le semifinali e la finale si giocheranno allo stadio Colovray di Nyon (Svizzera). Non è previsto lo spareggio per il terzo posto. Qualunque squadra potrà dunque giocare un massimo di 10 partite.

Read more http://feedproxy.google.com/~r/CorriereUniversita/~3/3A-nRgeGxDw/

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner o cliccando su OK acconsenti all’uso dei cookie.