Scuola, 40 mila in pensione e non saranno sostituiti. A settembre i supplenti saranno 170 mila

ROMA – Saranno quarantaduemila i docenti che andranno in pensione, entro il 31 agosto prossimo. Fin qui, non è prevista alcuna sostituzione. Poco più di ventiduemila insegnanti (esattamente 22.197) lasceranno in anticipo grazie a Quota 100 (62 anni di età e 38 di contributi), ma nessun precario entrerà al loro posto. La mancata sostituzione – sempre avvenuta in anni recenti: cinquanta per cento di stabilizzazioni e cinquanta in trasferimenti - è solo l’ultimo taglio all’Istruzione di un esecutivo che in tredici mesi di governo non ha mai messo la scuola al centro della sua pratica. Il ministro Marco Bussetti e lo staff hanno candidamente ammesso che i tagli della Legge di bilancio 2018 erano legati proprio alle due grandi partite di governo che drenavano risorse pubbliche: il Reddito di cittadinanza e, appunto, Quota 100. Ora i pensionamenti anticipati senza assunzione sembrano aprire la strada alla Finanziaria 2019, nelle intenzioni di Matteo Salvini incentrata sulla costosa flat tax. Il sistema informatico del Miur (Sidi) al 29 maggio scorso aveva censito 17.614 posti vuoti nell’organico di fatto, ma nessuno di questi sarà offerto ai precari: non è prevista  immissione in ruolo di chi già lavora attraverso le supplenze annuali. Sulla questione, emersa il 12 luglio in un incontro del ministero con i sindacati, la senatrice Simona Malpezzi (Pd) ha presentato un’interrogazione parlamentare chiedendo perché il governo “non abbia stanziato un solo euro” per programmare la trasformazione di parte dell’organico di fatto (chi davvero insegna nella scuola) in organico di diritto (chi è regolarmente assunto). “L’esecutivo trova i soldi per mandare in pensione i docenti con Quota 100 e non li trova per sostituirli con i docenti precari", si legge nell'interrogazione, "così prolifera il fenomeno delle supplenze e non si assicura il corretto avvio del prossimo anno scolastico”. Per metà settembre, avvio del "2019-2020", si attendono almeno 170 mila docenti precari, pari a un quinto dell’intero corpo insegnante. Nell’anno appena concluso gli annunci del ministro Marco Bussetti - "avremo ottantamila supplenti nelle nostre scuole" - sono stati superati di 15 mila unità (95 mila precari è il conteggio della Cgil). A questi vanno aggiunti i 42 mila pensionati non sostituiti, appunto. E, ancora, su 58.627 docenti il cui ingresso in ruolo è già stato approvato dal ministero delle Finanze, oltre la metà non sarà reperita per mancanza di candidati (nelle discipline scientifiche, per esempio). E’ credibile che il prossimo anno scolastico possa partire con 160-170 mila insegnanti precari in cattedra, cifra da primato, e contemporaneamente le graduatorie pre-ruolo sempre piene. In Veneto e Lombardia – regioni che spingono per l’approvazione dell'Autonomia differenziata, soprattutto nel campo scolastico – i vuoti dal primo settembre assumeranno dimensioni mai viste prima.rep  Una seconda interrogazione parlamentare sulla questione "maestri e professori in pensione e non sostituiti" è arrivata dalla deputata Lucia Azzolina (M5s), che ha ricordato come le uscite regolari di docenti – non quelle anticipate, quindi – sono state certificate dall’Inps in 19.853. Ha scritto la Azzolina: “E’ auspicabile che una parte dei posti liberati dall'accoglimento delle domande di pensionamento possa essere utilizzata al 50 per cento per le immissioni in ruolo a tempo indeterminato e al 50 per cento per le operazioni di mobilità. Se così non fosse, si dovrebbero attribuire nuove supplenze su quei posti con un aggravio del fenomeno della supplentite”. Ad oggi, vale la seconda opzione. La metà dei posti dei “Quota 100” erano attesi dagli storici precari inseriti nelle Graduatorie a esaurimento (Gae) e a vincitori e idonei di concorso. Non sarà così e Roberto Della Ragione, portavoce del Coordinamento nazionale docenti Gae-Gm-vincitori di concorso, attacca: “Già nella Legge di Bilancio 2018 erano stati programmati zero posti per trasformare l’organico di fatto in organico di diritto e il nostro coordinamento lo scorso marzo ha denunciato il potenziale bis. Sarebbe bastata una proroga dell’apertura del Sistema informatico per stabilizzare migliaia di precari storici e vincitori di un bando pubblico. Non è arrivata alcuna risposta. Sul sostegno la situazione è grave, la maggior parte degli alunni diversamente abili continua a essere seguita da personale non specializzato quando le GaE di settore sono stracolme di personale altamente qualificato”. L'approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare. Saperne di più è una tua scelta Sostieni il giornalismo! Abbonati a Repubblica Argomenti: quota 100 Scuola organico di fatto Simona Malpezzi Lucia Azzolina Coordinamento Gae-Gm-vincitori di concorso tagli scuola Protagonisti: precari scuola di PAOLO DI PAOLO di SILVIA RONCHEY 001219269-f49c5afa-a4df-4b57-a2ef-93f8c79754f7.jpg

Read more https://www.repubblica.it/scuola/2019/07/15/news/scuola_40_mila_in_pensione_e_non_saranno_sostituiti_a_settembre_supplenti_a_quota_170_mila-231274034/?rss

  • Facebook Lavora con noi: selezioni in corso - CorriereUniv.it

    Il colosso dei social network, targato Silicon Valley, offre interessanti opportunità di lavoro. Si ricercano varie figure per assunzioni in Italia e all’estero. Di seguito vi presentiamo le selezioni in corso e come candidarsi alle offerte di lavoro Facebook. Vi diamo anche informazioni utili sull’azienda e le opportunità di carriera. Perio...
  • Classifica Arwu: Sapienza primo ateneo tra gli italiani - CorriereUniv.it

    La Sapienza si conferma tra le migliori università al mondo e prima università italiana. Il 15 agosto 2019 la ShanghaiRanking Consultancy, organizzazione indipendente di ricerca sull’istruzione superiore, ha pubblicato la classifica internazionale Academic Ranking of World Universities 2019 (Arwu) che presenta le 1000 migliori università (500 fino...
  • «Oscar dell’Istruzione»: 50mila dollari alle università più innovative - CorriereUniv.it

    La posta in gioco per chi vince gli Oscar dell’Istruzione è un premio da 50mila dollari, che serviranno a finanziare i migliori progetti che contribuiscono alla crescita culturale e al successo degli studenti. Arrivati alla sesta edizione, gli «Oscars of Education» 2019, organizzati dalla Wharton Business School e dalla società Qs-Quacquarelli Symo...
  • Italo Treno Lavora con noi: selezioni in corso - CorriereUniv.it

    NTV cerca periodicamente personale per assunzioni e stage. Il Gruppo sta portando avanti un nuovo programma di espansione in Italia che porterà oltre 150 assunzioni entro il 2020.  Periodicamente Nuovo Trasporto Viaggiatori offre opportunità di lavoro sui treni Italo e nel personale di terra. Le selezioni sono rivolte anche a giovani senza esperien...
  • La crisi mette a rischio il finanziamento della ricerca

    Bloccato il maxi-aumento per il Cnr e gli altri enti. Si ferma anche la riforma dei dottorati...
  • Michael Kors: posizioni aperte e come candidarsi - CorriereUniv.it

    Sono disponibili nuove offerte di lavoro nei negozi del noto fashion brand statunitense situati in Italia. Altre selezioni sono in corso per lavorare nei punti vendita del Gruppo situati all’estero e in sede. Di seguito vi presentiamo le posizioni aperte per le assunzioni Michael Kors. Vi diamo anche informazioni utili sull’azienda e sulle modalità...
  • La Cassazione ferma i super-risarcimenti ai medici specializzandi

    La Corte: "Giusto il solo rimborso spese, è formazione non lavoro". In causa 56 mila clinici, solo nel 2018 lo Stato aveva versato 48 milioni di euro...
  • Enti di ricerca, i finanziamenti crescono di 74 milioni - CorriereUniv.it

    Ci sono 74 milioni in più, per la ricerca italiana. Per gli Enti di ricerca, nello specifico, vigilati (e finanziati) dal ministero dell’Istruzione. Nel Decreto ministeriale, che mercoledì è stato portato in commissione Cultura e Istruzione della Camera per le prime discussioni e che dovrebbe approdare al Consiglio dei ministri del 9 agosto,...
  • Scuola, caos nelle chiamate dei nuovi presidi

    La denuncia dei sindacati: le Regioni procedono in ordine sparso. La Cisl: "Non si escludono ricorsi"...
  • Test di ingresso, pochi giorni per scegliere il proprio futuro - CorriereUniv.it

    Archiviata la maturità, per decine di migliaia di aspiranti matricole si aprono alcune settimane di riposo. Ma neppure molto, visto che agli inizi di settembre si svolgeranno le prove nazionali di selezione per l’accesso ai corsi di laurea in Medicina e Odontoiatria, Architettura e Veterinaria. Chi ha scelto di intraprendere questa strada hanno gi...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner o cliccando su OK acconsenti all’uso dei cookie.