Scuola, a rischio l'educazione fisica alle elementari

Addio al tutor di educazione fisica alle elementari. L'Italia è l'unico paese in Europa a non avere docenti di scienze motorie nella scuola primaria. Con un disegno di legge, l'ex ministro dell'Istruzione, Marco Bussetti, aveva fatto partire l'iter: l'idea era quella di assumere 12 mila docenti di educazione fisica per introdurre 22 ore settimanali di sport (in sostanza due ore a classe).Il progetto però sarebbe partito nel 2023. Il Coni, intanto, aveva stanziato 7 milioni di euro per "Sport di Classe": l'iniziativa aveva portato lo scorso anno nelle classi terza, quarta e quinta elementare, dei tutor contrattualizzati dai Coni regionali. Il progetto aveva coinvolto 542 mila studenti, il il 59% degli istituti in Italia e il 50% dei bambini in quella fascia d'età. La riforma Giorgetti però ha sostituito il Coni con la Spa "Sport e salute". La nuova società però non potrà usufruire del regime fiscale agevolato previsto dalla legge Pescante, ma dovrà far fronte a una spesa maggiore legata all'Iva oltre a non poter beneficiare dei finanziamenti regionali. La scuola è già iniziata o è comunque al via in molte città. Ma la nuova controllata del Mef non ha fatto partire i bandi. Il che significa che il maestro di educazione fisica, appositamente formato non potrà tornare a fare lezione. Bloccati anche i campionati studenteschi finanziati dal Coni con un milione e 400 mila euro.  "La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile" Carlo Verdelli ABBONATI A REPUBBLICA Argomenti: sport educazione fisica elementari Protagonisti: dal nostro inviato COSIMO CITO di ANDREA FROLLA' 113046408-fa282ba6-d4fa-4910-90dd-d52229dc723f.jpg

Read more https://www.repubblica.it/scuola/2019/09/13/news/scuola_a_rischio_l_educazione_fisica_alle_elementari-235890665/?rss

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner o cliccando su OK acconsenti all’uso dei cookie.