Bagno di folla per l'inaugurazione dello Yif a Roma. Parisi ai giovani: "Il titolo non basta più oggi: il lavoro chiama lavoro" - CorriereUniv.it

È partita con un grande bagno di folla l’undicesima edizione dello Young International Forum, la tre giorni dedicata all’orientamento all’università e al lavoro che si sta tenendo fino all’11 ottobre negli spazi riqualificati del Pratibus District in Patri. Migliaia di giovani già dalle 9 del mattino hanno preso d’assalto gli stand della manifestazione dimostrando voglia di partecipare e confrontarsi con i punti informativi, i seminari, i colloqui e i test attitudinali offerti dallo Yif2019 che anche quest’anno continua con la campagna #MaipiùNeet (ovvero chi non è impegnato in un percorso di studio, di lavoro o di formazione). Il convegno inaugurale della manifestazione ha visto la partecipazione del presidente delll’Agenzia Nazionale Politiche Attive Lavoro (ANPAL), Mimmo Parisi: “Aver fatto quattro o cinque lavori, anche con datori non proprio amichevoli, vale quasi quanto aver conseguito una laurea o un master – ha spiegato il prof. della University of Mississippi – il problema dei Neet va risolto anche con la consapevolezza che per garantire la continuità del rapporto lavorativo dobbiamo puntare sempre di più su investimenti volti a favorire la stabilità nel mercato del lavoro e non semplicemente la stabilità nel posto di lavoro. L’obiettivo per un giovane oggi è raggiungere la stabilità lavorativa; ciò implica non soltanto studiare per migliorare la propria condizione ma anche lavorare durante la formazione, lavoro chiama lavoro. Acquisire quelle competenze che il mondo accademico non vi fornisce oggi è fondamentale per ritagliarsi un posto in questa società in continuo mutamento”. “Mancano all’appello tra i 214mila e i 260mila laureati nel quinquennio 2019 – 2023 . E in alcune materie il tasso di difficoltà di acquisizione è del 30-40% rispetto il fabbisogno delle aziende. Ciò significa che le aziende italiane nei prossimi anni faranno fatica a trovare le risorse professionali di cui hanno bisogno”, ha dichiarato Mariano Berriola presidente della fondazione Italia Education. “Un secondo aspetto è legato alla qualità di queste risorse. Nella gran parte impreparate ad entrare nel mondo del lavoro. Le lacune sono, in parte legate alle competenze di base, ma ancor più in quelle leggere o trasversali: il saper comunicare, il sapersi relazionare, il saper collaborare e fare squadra. Questo non lo insegna nessuno. Un problema da affrontare con urgenza”, ha concluso Berriola. SCELTA DELL’UNIVERSITÀ Diversi gli spazi allo YIF dedicati all’orientamento. L’area tutor, dove docenti e tutor di Italia Education saranno a disposizione per offrire un primo colloquio orientativo per scegliere al meglio il proprio percorso di studi; l’area informativa, dove Istituzioni, Università, Accademie ed Enti di Formazione potranno rispondere alle domande dei ragazzi, un luogo dove incontrare direttamente i responsabili di ateneo e gli addetti ai lavori. E poi, il workshop di Orientamento Post Diploma, con le informazioni utili alla scelta dell’Università,per guidare i ragazzi verso una scelta autonoma e responsabile, attraverso la consapevolezza del sé, delle proprie risorse e competenze. E quello sulla preparazione del test di Medicina. ESTERO Per chi volesse intraprendere un percorso di studio, di aggiornamento, o di lavoro all’estero, al salone sarà consultabile la piattaforma digitale “LikeFogg”, che presenterà le offerte di lavoro selezionate di recente, stage e tirocini, borse di studio. Inoltre, saranno a disposizione dei visitatori ben 15 guide di altrettanti Paesi stranieri. La Fulbright Commission presenterà le borse di studio negli Stati Uniti; l’Ambasciata di Spagna le opportunità di studio e lavoro nella penisola Iberica; l’Ambasciata del Giappone propone borse di studio e il programma di scambi internazionali Japan Exchange and Teaching Programme; il DAAD Tedesco le opportunità di studio in Germania; la Repubblica Ceca. LAVORO  Opportunità di stage, tirocini, premi e borse, lavoro vero e proprio, volontariato e scambi culturali. Previsti inoltre workshop sul percorso di selezione del personale: il CV, la lettera di presentazione e il colloquio di lavoro.  “Le competenze trasversali utili per il mondo del lavoro” è il seminario riservato a quanti si interrogano sulle aspettative delle imprese in tema di professionalità da acquisire. Gli studenti dell’ultimo anno delle scuole superiori, invece, potranno sfidarsi a colpi di “JOBS”, il gioco da tavolo pensato per trasferire ai ragazzi i concetti del lavoro attraverso una modalità ludica. FARE IMPRESA Ai tanti ragazzi che pensano di realizzare e creare una startup, sarà dedicato l’incontro dal titolo: “Mettersi in gioco nell’Impresa”. Grazie a “Startapper School Academy”, programma della Regione Lazio per la promozione dell’imprenditorialità, i partecipanti potranno giocare simulando la nascita di una start up. Ai potenziali imprenditori partecipanti sarà messo a disposizione un test sull’autoimprenditorialità che esprimerà in punteggio la propria potenzialità nel fare impresa. #MaipiùNeet è l’hastag scelto quest’anno per sensibilizzare la politica, le imprese, la società civile verso un tema ancora molto sottovalutato: ovvero quello che riguarda la condizione di milioni di ragazzi che non lavorano, non studiano e non sono impegnati in nessun percorso formativo. Le iniziative dello Young International Forum continueranno fino a venerdì 11 ottobre.            

Read more http://feedproxy.google.com/~r/CorriereUniversita/~3/RlpCvh5rU3M/

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner o cliccando su OK acconsenti all’uso dei cookie.