Coronavirus. Manfredi: “Si estendano anche alle Università le misure previste per gli studenti rientrati di recente dalla Cina” - CorriereUniv.it

Questa la richiesta avanzata dal ministro dell’Università e della Ricerca al ministro Speranza, circa la nuova circolare per le scuole, emessa dal ministero della Salute lo scorso sabato. In un’intervista a La Stampa Manfredi sottolinea: “Spesso ci si accorge dell’importanza dei ricercatori solo nel momento dell’emergenza. Mi auguro però che tutti siano un po’ più consapevoli, adesso, che un mondo della ricerca forte vuol dire far crescere il Paese e migliorare la qualità di vita degli italiani. Vorrei dare ai ricercatori una prospettiva meno incerta”. Estendere le misure previste per gli studenti tornati dalla Cina anche alle Università. Questa la richiesta del ministro dell’Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi in un’intervista a La Stampa. Lo scorso sabato infatti, ricordiamo, una nuova circolare per le scuole, emessa dal ministero della Salute, Roberto Speranza, aveva aggiornato le misure da prendere per trattare i casi di studenti tornati di recente dalla Cina. “La circolare non comprendeva, però, le nostre università – sottolinea Manfredi -. Ecco perché ho scritto al ministro Speranza, per fare in modo che gli esperti si pronuncino sulla possibilità di estendere la validità di quelle stesse indicazioni anche agli atenei italiani”. “I medici e gli esperti ci dicono che la possibilità di contagio esiste quando i sintomi, come la febbre, sono evidenti. Questo è il motivo per cui ci sarà una sorveglianza medica attiva, da parte delle Asl, per tutti quelli tornati dalla Cina negli ultimi 14 giorni. Alcune università hanno già provveduto ad alcune forme di protezione in questa direzione. Sono sicuro che con buon senso e responsabilità saremo in grado di gestire al meglio la situazione”, spiega il ministro. Manfredi ha poi sottolineato come, al momento, sia già stato previsto un monitoraggio per quei ricercatori e studenti che si trovano in Cina. “È un monitoraggio nominativo. Due settimane fa avevamo 312 persone che avevano fatto richiesta di poter tornare in Italia. La scorsa settimana ne sono rientrati circa cinquanta e stanno continuando a tornare a decine. Tra poco dovremmo esaurire la nostra lista”. Quanto al blocco dei viaggi in Cina organizzati dalle università deciso dai rettori: “È stato un nostro suggerimento – spiega – dato in accordo con la Conferenza dei rettori. Ho scritto una lettera alle università e hanno tutti seguito l’indicazione, che è una forma di limitazione del rischio. D’altra parte, sarebbe stato complicato continuare a far partire e rientrare studenti e ricercatori, in considerazione dell’epidemia che si stava diffondendo”. In ogni caso, Manfredi ha evidenziato come “questa riduzione dei contatti fisici non esclude in alcun modo le relazioni a livello di ricerca, che continuano a essere proficue. Mi auguro possa tornare a pieno regime la collaborazione scientifica con Pechino, ma la rete accademica internazionale, specie in momenti come questi, si dimostra sempre solida. E l’Italia ha un riconosciuto ruolo di qualità, dimostrato anche dalle ricercatrici dello Spallanzani”. E proprio riguardo il ruolo dello Spallanzani, e più in generale della ricerca in Italia, il ministro ha rimarcato come “spesso ci si accorge dell’importanza dei ricercatori solo nel momento dell’emergenza. Mi auguro però che tutti siano un po’ più consapevoli, adesso, che un mondo della ricerca forte vuol dire far crescere il Paese e migliorare la qualità di vita degli italiani. Speriamo che i riflettori dei media non si spengano del tutto”. “Vorrei dare ai ricercatori una prospettiva meno incerta – ha aggiunto – con un piano per stabilizzare la posizione di ricercatore nelle Università. Abbiamo già inserito nel decreto Milleproroghe un bando di concorso da 1600 posti. Il piano pluriennale che stiamo studiando, poi, prevede 2000 posti ogni anno, così da riuscire a garantire un’immissione continua di giovani nel mondo scientifico”. quotidianosanita.it

Read more http://feedproxy.google.com/~r/CorriereUniversita/~3/c6-IdKJu6Hc/

  • Nella scuola digitale i robot entrano in classe - CorriereUniv.it

    Carpi ha ospitato la sessione provinciale del Premio Scuola Digitale organizzata dal Liceo Fanti. La competizione tra scuole è stata vinta dagli studenti del Marconi di Castelfranco e del Galilei di Mirandola. Mister robot dell’Istituto Comprensivo Marconi di Castelfranco Emilia e Studente Remoto dell’Istituto Galilei di Mirandola sono i vincitori...
  • La caccia? Insegniamola a scuola - CorriereUniv.it

    Sinergia didattica fra una consigliera in Regione Lombardia per Fratelli d’Italia e l’assessora all’Istruzione e al Lavoro della Regione Veneto, Donazzan, che ha formulato la proposta di insegnare la caccia a scuola: “L’arte venatoria insegnata a scuola porterebbe ad un’interdisciplinarietà delle materie, ad un collegamento tra scienze, botanica, a...
  • India, le studentesse se hanno il ciclo non entrano a scuola - CorriereUniv.it

    68 ragazze di una scuola superiore gestita dalla setta induista Swaminarayan, nello stato di Gujarat, sono state portate con la forza nei bagni del collegio e costrette a togliersi gli slip per dimostrare di non avere il ciclo che in alcune aree dell’ India è considerato un tabù e un peccato. Violato il regolamento della scuola Le studentesse, sec...
  • Accordo di collaborazione tra Università di Perugia e Onaosi - CorriereUniv.it

    Collaborazione stretta tra il Collegio universitario La Sapienza Vecchia di Perugia – fiore all’occhiello della Fondazione Opera Nazionale Assistenza Orfani Sanitari Italiani Onaosi – e l’ l’Università degli Studi di Perugia: la struttura Onaosi- che entrerà nel gruppo dei 50 collegi di merito italiani – diventa punto di riferimento per formare i d...
  • Università: volete guadagnare bene? «Studiate matematica» - CorriereUniv.it

    Lo studio del Dipartimento per l’Educazione di Washington: è l’unica chance di fare carriera: economia e informatica sono le facoltà migliori Se non potete permettervi un’Università d’élite all’estero, se non volete partire, allora studiate matematica. Sarà una garanzia, non solo di trovare lavoro ma di trovarlo remunerativo e con possibilità di ca...
  • Zaki, l’Università di Bologna: mobilitazione finché non torna qui - CorriereUniv.it

    Il rettore a “Che tempo che fa”: la sua storia riguarda tutti noi “L’università si è mossa compatta, la comunità studentesca, i professori, il personale tecnico amministrativo, ci siamo mossi per star vicino a Patrick fin dal primo momento e rimarremo vicino a lui fin tanto che ritornerà a frequentare le nostre aule. Lui è un membr...
  • Scuola, firmato il decreto per le specializzazioni sul sostegno - CorriereUniv.it

    Azzolina: “Quasi 20mila posti disponibili, sostegno importante risorsa” ​​​​​​​Manfredi: “Impegno straordinario delle nostre università” Il Ministro dell’Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi, d’intesa con la Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha firmato il decreto che autorizza l’avvio del quinto ciclo dei percorsi di formazione per...
  • XXV Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie- Palermo 21 marzo 2020 - CorriereUniv.it

    Il Ministero dell’Istruzione, in collaborazione con l’Associazione “Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie”, promuove la partecipazione delle scuole di ogni ordine e grado alla venticinquesima “Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie”, riconosciuta...
  • L'appello di 200 accademici: "L'università soffoca, disintossichiamola"

    Il grido dei professori contro la burocrazia e criteri aziendali applicati alla formazione: "Ricerca e insegnamento da tempo non sono più liberi". Tra i firmatari: Tomaso Montanari, Marco Belpoliti, Alessando Dal Lago e Marco Revelli...
  • Scuola: i sindacati anticipano lo sciopero al 6 marzo

    La decisione di anticipare "è dettata dall'urgenza e dalla totale chiusura dimostrata dalla ministra Azzolina", fa sapere la Federazione Gilda-Unams. Al centro della protesta precariato, reclutamento e abilitazioni...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner o cliccando su OK acconsenti all’uso dei cookie.