Mattarella scrive al ricercatore penalizzato da un concorso: "Le università devono ispirarsi alla legalità e alla trasparenza"

ROMA - Alla fine, dopo otto anni di porte in faccia, chiuse, mai sbattute, di risposte evasive successive a incontri in università con i rispettivi avvocati - "lei ha ragione, ma è passato troppo tempo" -, il ricercatore Giambattista Scirè, 44 anni, ha deciso di scrivere al presidente della Repubblica. E di raccontare anche a Sergio Mattarella la sua storia di studioso di Storia contemporanea a cui è stato preferito - per un ruolo da ricercatore a tempo determinato che, di fatto, ha portato nel corpo dell'università la vincitrice del bando - un'architetta. Una lunga storia di vittorie giudiziarie - anche penali - e sconfitte professionali: Giambattista Scirè in queste otto stagioni è uscito completamente dal circuito universitario del Paese, ha vinto dispute nei tribunali amministrativi di primo e secondo livello, ma ha smesso di pubblicare. Di lavorare.Bene, ventitré giorni dopo aver scritto al presidente, Scirè, appena uscito dall'ultimo colloquio con il rettore dell'Università di Catania, mercoledì scorso, ha acceso il computer e avvistato una mail. Una Pec, meglio. In neretto. Proveniva dal Segretariato generale della presidenza della Repubblica. Il direttore dell'Ufficio affari dell'Amministrazione della giustizia, Stefano Erbani, gli aveva risposto. In nome del presidente. E lo aveva fatto utilizzando quelle due parole usate dal ricercatore, "trasparenza e merito", che il 10 novembre 2017 erano diventate il titolo dell'associazione che lo stesso Scirè aveva contribuito a fondare e che tutt'oggi, dopo alcune difficoltà, guida. Nella Pec dal Quirinale era scritto questo: "Il Capo dello Stato segue con grande attenzione le questioni da lei evidenziate nella convinzione che, anche nel settore universitario, occorre sempre seguire i principi di legalità e trasparenza. Le università italiane possono vantare livelli di eccellenza in vari campi del sapere e riscuotono i migliori risultati solo laddove si fondano sull'autonomia e libertà dell'insegnamento, guidate esclusivamente dal principio del merito. Augurandole di trovare riscontro alle sue aspettative nel corso della carriera universitaria, le porgo i più cordiali saluti".Dice ora Giambattista Scirè: "Il Presidente Mattarella ci ha voluto far sapere che è al nostro fianco, gli atenei e i dipartimenti ora sanno che il Capo dello Stato auspica e raccomanda loro un cammino trasparente".E' interessante notare come nell'arco dei ventitré giorni trascorsi tra la lettera di Scirè e la risposta del Quirinale, l'Università di Catania - decapitata in sette dipartimenti da una recente inchiesta della Procura abbia fissato un nuovo incontro con Scirè, il primo del neorettore Francesco Priolo. in riproduzione.... L'ordinario di Fisica della materia fin qui si era distinto per una campagna elettorale, la scorsa estate, che aveva sostanzialmente ignorato lo tsunami giudiziario abbattutosi sull'ateneo. A Scirè, però, Priolo mercoledì scorso ha regalato parole inedite dichiarando la sua volontà di cambiare registro rispetto alle tre precedenti gestioni dell'ateneo: "Lei è una risorsa per l'università e io mi impegno a darle la possibilità di tornare a lavorare in ateneo". Passando quindi al "tu", il rettore Priolo ha detto all'interlocutore: "Sei un ricercatore proprio come me e quello devi tornare a fare".La strada possibile, ora, per la soluzione di questa vicenda diventata emblematica all'interno dell'accademia italiana è quella della proroga per Scirè di un contratto (biennale) come ricercatore, appunto, in Storia contemporanea. Il rettore si è impegnato a scrivere, rapidamente, una lettera al ministero dell'Università e Ricerca, oggi guidato da Gaetano Manfredi.  "La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile" Carlo Verdelli ABBONATI A REPUBBLICA Argomenti: concorso Università fisica catania Protagonisti: Giambattista Scirè Sergio Mattarella gaetano manfredi Stefano Erbani Francesco Priolo di ILARIA VENTURI di ILARIA VENTURI 130734802-bf72e9b9-6879-4888-b7d1-2a630754231d.jpg

Read more https://www.repubblica.it/scuola/2020/02/14/news/mattarella_scrive_al_ricercatore_vittima_di_un_concorso_le_universita_devono_ispirarsi_alla_legalita_e_alla_trasparenza_-248581355/?rss

  • Nella scuola digitale i robot entrano in classe - CorriereUniv.it

    Carpi ha ospitato la sessione provinciale del Premio Scuola Digitale organizzata dal Liceo Fanti. La competizione tra scuole è stata vinta dagli studenti del Marconi di Castelfranco e del Galilei di Mirandola. Mister robot dell’Istituto Comprensivo Marconi di Castelfranco Emilia e Studente Remoto dell’Istituto Galilei di Mirandola sono i vincitori...
  • La caccia? Insegniamola a scuola - CorriereUniv.it

    Sinergia didattica fra una consigliera in Regione Lombardia per Fratelli d’Italia e l’assessora all’Istruzione e al Lavoro della Regione Veneto, Donazzan, che ha formulato la proposta di insegnare la caccia a scuola: “L’arte venatoria insegnata a scuola porterebbe ad un’interdisciplinarietà delle materie, ad un collegamento tra scienze, botanica, a...
  • India, le studentesse se hanno il ciclo non entrano a scuola - CorriereUniv.it

    68 ragazze di una scuola superiore gestita dalla setta induista Swaminarayan, nello stato di Gujarat, sono state portate con la forza nei bagni del collegio e costrette a togliersi gli slip per dimostrare di non avere il ciclo che in alcune aree dell’ India è considerato un tabù e un peccato. Violato il regolamento della scuola Le studentesse, sec...
  • Accordo di collaborazione tra Università di Perugia e Onaosi - CorriereUniv.it

    Collaborazione stretta tra il Collegio universitario La Sapienza Vecchia di Perugia – fiore all’occhiello della Fondazione Opera Nazionale Assistenza Orfani Sanitari Italiani Onaosi – e l’ l’Università degli Studi di Perugia: la struttura Onaosi- che entrerà nel gruppo dei 50 collegi di merito italiani – diventa punto di riferimento per formare i d...
  • Università: volete guadagnare bene? «Studiate matematica» - CorriereUniv.it

    Lo studio del Dipartimento per l’Educazione di Washington: è l’unica chance di fare carriera: economia e informatica sono le facoltà migliori Se non potete permettervi un’Università d’élite all’estero, se non volete partire, allora studiate matematica. Sarà una garanzia, non solo di trovare lavoro ma di trovarlo remunerativo e con possibilità di ca...
  • Zaki, l’Università di Bologna: mobilitazione finché non torna qui - CorriereUniv.it

    Il rettore a “Che tempo che fa”: la sua storia riguarda tutti noi “L’università si è mossa compatta, la comunità studentesca, i professori, il personale tecnico amministrativo, ci siamo mossi per star vicino a Patrick fin dal primo momento e rimarremo vicino a lui fin tanto che ritornerà a frequentare le nostre aule. Lui è un membr...
  • Scuola, firmato il decreto per le specializzazioni sul sostegno - CorriereUniv.it

    Azzolina: “Quasi 20mila posti disponibili, sostegno importante risorsa” ​​​​​​​Manfredi: “Impegno straordinario delle nostre università” Il Ministro dell’Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi, d’intesa con la Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha firmato il decreto che autorizza l’avvio del quinto ciclo dei percorsi di formazione per...
  • XXV Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie- Palermo 21 marzo 2020 - CorriereUniv.it

    Il Ministero dell’Istruzione, in collaborazione con l’Associazione “Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie”, promuove la partecipazione delle scuole di ogni ordine e grado alla venticinquesima “Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie”, riconosciuta...
  • L'appello di 200 accademici: "L'università soffoca, disintossichiamola"

    Il grido dei professori contro la burocrazia e criteri aziendali applicati alla formazione: "Ricerca e insegnamento da tempo non sono più liberi". Tra i firmatari: Tomaso Montanari, Marco Belpoliti, Alessando Dal Lago e Marco Revelli...
  • Scuola: i sindacati anticipano lo sciopero al 6 marzo

    La decisione di anticipare "è dettata dall'urgenza e dalla totale chiusura dimostrata dalla ministra Azzolina", fa sapere la Federazione Gilda-Unams. Al centro della protesta precariato, reclutamento e abilitazioni...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner o cliccando su OK acconsenti all’uso dei cookie.