E il rettore della Sapienza lancia l'allarme: "Lo Stato torni a finanziare gli atenei o collassiamo"

ROMA - Al di là dell'applauso lungo quattro minuti e la platea in piedi, al di là dell'emozione per l'ultimo discorso a pochi mesi dalla fine dei sei anni di mandato, al rettore Eugenio Gaudio il suo mondo ha riconosciuto di aver rimesso in moto e al centro la più grande università d'Europa - La Sapienza di Roma, 717 anni di vita, 114 mila iscritti - dopo il lungo declino affidato al suo predecessore, Luigi Frati. E quando si è fermato l'elenco degli oggettivi buoni risultati realizzati dall'ateneo dal 2015 ad oggi, mostrati in slide e al presidente della Repubblica Sergio Mattarella - per lui la decima inaugurazione di ateneo da ottobre ad oggi -, il rettore in carica ha detto al ministro dell'Università e della Ricerca Gaetano Manfredi: "Lo Stato torni a finanziare o il sistema collassa". Tutto il sistema per come lo conosciamo oggi, sessantun università pubbliche italiane presenti sul territorio.I dati dell'inversione di rotta del gigante romano vanno ricordati, non è banale farlo. I corsi di studio in lingua inglese offerti dalla Sapienza nel quinquennio certificabile sono quadruplicati: oggi sono 48, sui 280 offerti. Questo è stato in parte possibile grazie al fatto che, di fronte a 863 docenti andati in pensione, sono stati allestiti 1.640 concorsi, di cui 680 per giovani ricercatori. Spendendo 115 milioni di euro (gran parte ottenuti dalla Banca europea degli investimenti), l'università si è mossa sul piano edilizio, prodromo di una buona didattica: 109 aule, infatti, sono state riqualificate e il complesso Marco Polo, Centro linguistico di ateneo, è testimone dell'impegno infrastrutturale. Anche il restauro del grande murale di Mario Sironi, sullo sfondo del discorso del rettore Gaudio, ha partecipato dell'investimento. Oggi, proseguendo, tre biblioteche del sistema di lettura interno sono aperte 24 ore al giorno e tutto questo è stato realizzato consentendo al 57 per cento degli studenti di iscriversi con agevolazioni ed esenzioni. Ancora, dal 2015 all’ultimo anno assestato i fondi per la ricerca acquisiti dall’esterno sono cresciuti per 60 milioni di euro e in cinque stagioni i fondi di Stato, grazie alla crescita della quota premiale, sono aumentati di oltre 9 milioni. Gli iscritti, per chiudere, nel lustro sono saliti di 5.300 (+7,8 per cento) e il fatto che 3.100 studenti siano arrivati dall'estero offre una visuale delle potenzialità attrattative di UniRoma 1. Sul piano internazionale, l'impegno più rilevante portato a termine è stata l'alleanza - Civis - con sette università europee. Assomma, l'alleanza, 384 mila studenti e 55 mila docenti e amministrativi e ha vinto un finanziamento comunitario. Il riconoscimento più gradito, sempre sul piano internazionale, è invece il primo posto al mondo conquistato per due anni di fila (2018 e 2019) nella disciplina “Classics and Ancient History”, classifica curata dal prestigioso Qs.rep Approfondimento Avanti, non c'è posto di ILARIA VENTURI e CORRADO ZUNINO In questo Paese non è solo Sapienza a crescere. Nell'ultimo quinquennio hanno prodotto corsi innovativi e brevetti di successo, hanno richiamato docenti stranieri e aperto sedi diplomatiche all'estero il Politecnico di Milano e Ca' Foscari di Venezia, le Università di Padova e Bologna. Sul fronte degli immatricolati hanno mostrato segnali incoraggianti atenei del Sud e molti medio-piccoli. Ma, ha detto il rettore in carica e in uscita, quella licenziata lo scorso dicembre è stata la Finanziaria più arida con gli atenei italiani "da decenni". E ha portato alle dimissioni dell'ex ministro Lorenzo Fioramonti, che per il settore aveva chiesto un miliardo e mai lo ha ottenuto. La questione, individuata nell'Aula Magna della Sapienza nel corso dell'inaugurazione dell'Anno accademico, è questa: "Abbiamo bisogno di formare più laureati e di trattenere in Italia i nostri talenti". In assenza di un adeguato finanziamento, tuttavia, "non sarà possibile garantire il turnover, bisognerà limitare l’ingresso di giovani ricercatori e ridurre l’offerta formativa. Un circolo vizioso che porterà al collasso del sistema", ha sottolineato Gaudio. "Non esistono più margini, non esistono più riserve". "La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile" Carlo Verdelli ABBONATI A REPUBBLICA Argomenti: Università Università Roma La Sapienza collasso università inaugurazione anno accademico Protagonisti: rettore Gaudio rettore Sapienza di MARCO BELPOLITI di ILARIA VENTURI di ILARIA VENTURI 174451198-8da157f7-79eb-4a5d-9ff9-576028286eb6.jpg

Read more https://www.repubblica.it/scuola/2020/02/18/news/e_il_rettore_della_sapienza_lancia_l_allarme_lo_stato_torni_a_finanziare_gli_atenei_o_collassiamo_-248902895/?rss

  • Scuola ancora a distanza - CorriereUniv.it

    È confermato: la scuola finirà il 19 giugno 2020. E riprenderà il 31 agosto 2020. Per quanto riguarda la fine dell’attuale anno scolastico, i voti si baseranno principalmente su quanto fatto a scuola, ma anche il periodo a distanza potrà contribuire alla valutazione. Nel frattempo, durante l’insegnamento a distanza i docenti devono avere contatti p...
  • Coronavirus, test per università: da casa con webcam alle spalle e microfono - CorriereUniv.it

    Saranno sorvegliati da due commissari in collegamento: “Vietati i copia e incolla” L’emergenza Coronavirus continua in Italia e anche le Università devono adeguarsi. Da febbraio a giugno si svolgono i test d’ingresso negli atenei e da quest’anno sarà tutto fatto online. “Ai ragazzi – spiega al Corriere d...
  • Coronavirus, test per università: da casa con webcam alle spalle e microfono - CorriereUniv.it

    Saranno sorvegliati da due commissari in collegamento: “Vietati i copia e incolla” L’emergenza Coronavirus continua in Italia e anche le Università devono adeguarsi. Da febbraio a giugno si svolgono i test d’ingresso negli atenei e da quest’anno sarà tutto fatto online. “Ai ragazzi – spiega al Corriere d...
  • Dal marketing digitale alla lievitazione del pane, i seminari dell’Università su Youtube - CorriereUniv.it

    In questo momento di attività a distanza l’Università Politecnica delle Marche ha pensato di dare un segnale di presenza e sostegno a tutta la comunità, offrendo un contributo di carattere formativo. Siamo pienamente convinti che mettere in circolo conoscenze, soprattutto adesso, permetterà di rinsaldare i legami già esistenti e di crearne di nuovi...
  • Dal marketing digitale alla lievitazione del pane, i seminari dell’Università su Youtube - CorriereUniv.it

    In questo momento di attività a distanza l’Università Politecnica delle Marche ha pensato di dare un segnale di presenza e sostegno a tutta la comunità, offrendo un contributo di carattere formativo. Siamo pienamente convinti che mettere in circolo conoscenze, soprattutto adesso, permetterà di rinsaldare i legami già esistenti e di crearne di nuovi...
  • Lecce, università cinese dona mascherine all'ateneo salentino - CorriereUniv.it

    In arrivo un altro carico dallo Huaiyin Institute of Technology: si consolidano quindi i rapporti accademici tra i due paesi Una storia di collaborazione accademica, ma soprattutto di amicizia. Dalla Northwest University di Xi’An, nella Cina nord-occidentale, sono arrivati ieri due pacchi con mascherine destinate al Rettore e ai docenti d...
  • Università di Palermo, sì a rimborsi per studenti a baso reddito: online il bando - CorriereUniv.it

    Gli aiuti sono destinati agli allievi che si trovano nella fascia di reddito zero e non beneficiano di contributi o alloggi Ersu. Il rettore Fabrizio Micari: “Quella del nostro ateneo è una comunità unita e solidale, in cui nessuno viene lasciato solo” Università in campo per aiutare gli studenti a reddito basso. Alla luce de...
  • Nessun esame di terza media Solo una tesina - CorriereUniv.it

    Quella che riguarda l’esame di terza media è la misura più drastica dell’intero decreto: la prova finale della scuola secondaria di primo grado è destinata a scomparire quest’anno, a meno che non si torni a scuola prima del 18 maggio, che è uno scenario molto remoto. Se dunque non si tornerà, l’esame di terza media sarà sostituito da una tesina, «u...
  • Nessun esame di terza media Solo una tesina - CorriereUniv.it

    Quella che riguarda l’esame di terza media è la misura più drastica dell’intero decreto: la prova finale della scuola secondaria di primo grado è destinata a scomparire quest’anno, a meno che non si torni a scuola prima del 18 maggio, che è uno scenario molto remoto. Se dunque non si tornerà, l’esame di terza media sarà sostituito da una tesina, «u...
  • Si ricomincia il 1° settembre In classe o no? - CorriereUniv.it

    Il calendario del nuovo anno Il prossimo anno scolastico inizierà lo stesso giorno in tutta Italia e non con i calendari regionali differenziati. Gli studenti saranno in classe già il primo o al massimo il 2 settembre. Non è ancora chiaro se saranno a scuola o se si ricomincerà con la didattica a distanza che con il decreto di ieri diventa obb...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner o cliccando su OK acconsenti all’uso dei cookie.