Scontro sul ritorno a scuola. Zingaretti: “Rischio da correre”

ROMA - Domani riaprono le scuole superiori in quattro e, come dice Nicola Zingaretti, presidente di una delle regioni che riportano il 50 per cento degli studenti del secondo ciclo in classe, "il rischo c'è". Quattro presidenti e le loro giunte hanno deciso di correrlo: sono, oltre al Lazio, il Piemonte ("abbiamo messo a punto un sistema dei trasporti come mai si era fatto"), l'Emilia Romagna (che esegue un'ordinanza del Tar) e Molise (che riporta in aula anche il primo ciclo). Queste amministrazioni si vanno ad aggiungere alle tre ripartite giovedì 7 con gli alunni grandi: Valle d'Aosta, Toscana e Abruzzo. Sono sette, da domani, le regioni con rientri in presenza, 600 mila ragazzi, e nella conta dei territori che hanno deciso di lasciare, almeno in parte, la didattica a distanza, resta il Trentino, ma si arrende la Provincia autonoma di Bolzano, segnata con la matita rossa nella tavolozza epidemiologica. Che fatica riportare il quadro a unità e che paura per il "driver scuola" quando un governo, spinto dall'Istituto superiore di sanità, richiude il resto del Paese e annuncia una risalita della terza ondata in corso. I numeri di questi giorni, per ora, non lo certificano, ma sono molti gli esperti - l'infettivologo Massimo Galli, il matematico Giovanni Sebastiani, il virologo Giorgio Palù - che chiedono un surplus di prudenza in questa fase. Il presidente della Puglia, Michele Emiliano, accoglie la richiesta seguendo, tra l'altro, i report coordinati in casa dal suo assessore Pier Luigi Lopalco, professore di Igiene all'Università di Pisa. E sposta di una settimana il ritorno a scuola delle superiori, mantenendo aperta, invece, l'opzione "casa o banco" per il primo ciclo: saranno le famiglie a scegliere, ma i presidi pugliesi contestano con forza. Massimiliano Fedriga, che guida il Friuli Venezia Giulia, ha deciso di non seguire l'ordinanza del Tribunale amministrativo che gli impone il rientro. "Domani non riapro le scuole", ha assicurato. "Ho motivato la mia ultima ordinanza con un ulteriore supporto di dati scientifici. Di fronte al peggioramento della curva in queste ultime due settimane, il riavvio delle lezioni in aula non è compatibile con la salvaguardia della salute di tutti". In Friuli si tornerà in presenza a metà - a meno che il Consiglio di Stato non ribadisca il giudizio del Tar - il primo febbraio. Questa data, indicata anche per il ritorno in Veneto, ora è messa in discussione dallo stesso presidente Luca Zaia. Ha detto, di recente: "Il primo febbraio accadrà che, se non ci sono rischi, si apre, altrimenti prenderemo i provvedimenti". Gli stessi rischi che cita Zingaretti, pronto, però, a ripartire adesso. Le Marche, ancora, sono intenzionate ad accorciare di una settimana il ritorno: dall'1 febbraio a lunedì 25 gennaio. "Da oltre un mese restiamo sotto il valore 1 di indice di contagio", dice il presidente Francesco Acquaroli. La Campania domani riporta in classe solo le terze elementari. Il presidente Nello Musumeci, in una Sicilia rossa come la Lombardia, dice: "Sono pronto a chiudere anche elementari e prima media". Il Decreto del presidente del Consiglio spiega, in verità, che chi torna può provare anche l'aliquota al 75 per cento. La maggior parte delle scuole si limiteranno al cinquanta e cinquanta, ma c'è chi lo farà settimana per settimana, chi sceglierà giorni alterni. I docenti sono spaesati, dovranno cambiare orario, lo dice il Dpcm. Gli studenti sono sfiancati dall'incertezza, i presidi continuano a contestare il doppio turno. E se la Toscana parla di una prima settimana positiva, altre aree del Paese - il Veneziano e la provincia di Catanzaro - contano i nuovi contagi con le ripartenze dei cicli minori. Continua la protesta degli studenti delle scuole superiori a Milano e si allunga la lista degli istituti occupati. Anche a Roma per molti liceali domani sarà un giorno di sciopero della didattica in presenza e a distanza. Proteste a Trieste. Riparte, intanto, il contestato concorso straordinario per docenti precari, sospeso il 5 novembre, come abbiamo raccontato nella nostra newsletter "Dietro la lavagna". 004243432-2f2193c4-c4b8-4a89-a232-7c9424ec84d8.jpg

Read more https://www.repubblica.it/scuola/2021/01/17/news/scontro_sul_ritorno_a_scuola_zingaretti_rischio_da_correre_-282895575/?rss

  • concorso di narrativa aperto a scrittori ed autori

    La casa editrice Historica e il sito Cultora presentano l’edizione 2021 del concorso di narrativa Racconti dal Lazio. In palio per i racconti selezionati la pubblicazione in un volume che sarà distribuito nelle librerie del Lazio. Per partecipare c’è tempo fino al 15 aprile 2021. Ecco il bando e come...
  • tirocini retribuiti per studenti ad Abu Dabi, Bonn e New York

    Sei interessato ad un’opportunità di stage all’estero? L’Agenzia intergovernativa Irena per le energie rinnovabili offre tirocini retribuiti a studenti universitari e neolaureati presso le sue sedi situate ad Abu Dabi, Bonn e New York. L’Agenzia Internazionale per le Energie Rinnovabili – Irena (Inter...
  • Scuole, il pasticcio dei figli dei medici: possono tornare in aula, anzi no

    Il ministero dell'Istruzione con una nota di giovedì aveva aperto alla possibilità delle lezioni in presenza per i ragazzi i cui genitori svolgono servizi essenziali. Poi, domenica sera, ha fatto marcia indietro: aule aperte solo per studenti disabili e laboratori...
  • 8 marzo, 21 università per Francesca da Rimini - CorriereUniv.it

    Si chiama Worldwide kisses – Baci dal Mondo l’evento per la giornata dedicata alle donne che celebra la figura letteraria di Francesca da Rimini. Da Bologna fino a New York, da Ravenna a Quito, passando per Buonos Aires e Shangai. Ventuno in totale. Un abbraccio ecumenico che unirà idealmente studenti e insegnanti di cinque continenti...
  • Niente didattica in presenza per i figli dei key workers - CorriereUniv.it

    Non ci sarà didattica in presenza garantita per i figli dei lavoratori “essenziali” come il personale medico. Una doccia fredda la nota che il Ministero ha inviato alle scuole alle 19 di domenica 7 marzo per tutte quelle famiglie che oggi si apprestavano a riportare gli alunni in classe.  Ma non è del tutto una sorpresa: era imp...
  • Da lunedì 6 milioni di studenti a casa. Ma la dad si avvicina per 9 studenti su 10. Ecco dove le scuole sono chiuse regione per regione

    Se i governatori decidessero la stretta anche nelle zone ad alto rischio nei prossimi giorni sarebbero 7,6 i milioni di ragazzi a dover lasciare le aule...
  • L'incidenza di Covid-19 sta aumentando a livello nazionale.

    Il dato di oggi dell’Rt sopra 1 “non è una buona notizia”. “L’obiettivo è riportarlo il prima possibile sotto l’uno” dice Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, come riportato da AdnKronos. “L’incidenza di Covid-19 sta aumentando a livello nazionale e abbiamo an...
  • concorso fotografico per giovani artisti

    Sei un giovane appassionato di fotografia o un fotografo professionista? Allora è il momento di far conoscere le tue capacità grazie al concorso fotografico Annual Photography Awards. Il contest mette in palio diversi premi in denaro, al primo classificato andrà, infatti, un premio dal valore di 1.000$. Per inviare la propria c...
  • Rettore Dei indagato a Firenze per "associazione a delinquere" - CorriereUniv.it

    Bufera sull’ateneo fiorentino e sulla facoltà di medicina per l’inchiesta sui concorsi truccati, il rettore Dei indagato per “associazione a delinquere”. Diverse perquisizioni sono state eseguite dalla guardia di finanza, su mandato della procura guidata da Giuseppe Creazzo, nel corso di una inchiesta su un sistema che avrebbe in...
  • EUIPO: tirocini per laureati in Spagna - CorriereUniv.it

    EUIPO, l’ Ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale, ha aperto le candidature per il programma tirocini rivolto a laureati. I tirocini si svolgeranno presso gli uffici di Alicante, in Spagna. Le candidature vanno inviate entro il 31 Marzo 2021. Ecco tutti i dettagli e come candidarsi. EUIPO TIRO...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner o cliccando su OK acconsenti all’uso dei cookie.