Attualità

Cordoglio per i militari italiani

ONORE AI MILITARI ITALIANI
che per la nostra libertà  hanno perso la vita per mano di vigliacchi attentatori...

 

Incontro con il Ministro della Gioventù Giorgia Meloni

Giorgia Meloni, Ministro della Gioventù, incontrerà  i giovani ad Ancona.
L'incontro dal titolo:"Fuori dal grigiore, costruiamo il nostro futuro" si terrà  presso la Sala Convegni ERAP - Piazza Salvo D'Acquisto (Q2) ad Ancona Mercoledì 6 maggio a partire dalle ore 15:00.

Chiunque voglia maggiori informazioni o sia interessato a partecipare puಠpassare presso la nostra sede (facoltà  di ingegneria Q150 vicino alla biblioteca) oppure chiamare il numero 071-2204705.

Solidarietà  alle vittime del terremoto in Abruzzo

Università  Europea - Azione Universitaria è vicina alla popolazione abruzzese colpita dalla immane catastrofe del sisma.
Vogliamo eprimere solidarietà  nei confronti dei colleghi universitari colpiti dal sisma in Abruzzo, che vivendo spesso in condizioni abitative di emergenza, risulteranno pagare un dazio altissimo. In particolare il nostro cordoglio va agli amici e i parenti delle vittime accertate durante il crollo della sruttura della Casa dello Studente dell'Aquila in via XX Settembre. Ricordiamo che si continua a scavare sotto le macerie dal momento che è possibile che vi siano altri studenti intrappolati; altri studenti sono stati invece estratti vivi.
Nelle ore a venire è molto importante dare il proprio contributo:
  • mettendosi in contatto con i propri conoscenti, al fine di identificare eventuali dispersi;
  • NON recandosi a donare il sangue presso le locali sedi dell' AVIS (come ribadito dal Governatore della Regione Abruzzo alle ore 15:30 del 06/04);
    contattando la Protezione Civile della Regione Abruzzo ai numeri verdi 800.861016 e 800.860146 oppure al centralino della Protezione civile nazionale 06.68201;
    Il MODAVI sta organizzando squadre di volontari per l'Abruzzo, chi è interessato puಠchiamare il numero 06-84242188

24/04/2009: L'intero importo della riffa Pasquale è stato devoluto in beneficenza alla Protezione Civile Italiana.

Ecco la democrazia dei collettivi

Ecco cosa capita ancora di leggere nelle notizie di cronaca, ecco la LORO democrazia:

"TORINO - Scontri tra giovani dei centri sociali, e sostenitori del Fuan all'università di Torino. Nell'atrio di Palazzo Nuovo, sede delle facoltà umanistiche, gli studenti del Cua (Collettivo universitario autonomo, estrema sinistra) hanno lanciato una dozzina di uova e un fumogeno contro le forze dell'ordine che dividevano gli autonomi dai giovani universitari del Fuan (Fronte universitario d'azione nazionale, estrema destra) raccolti attorno a un banchetto per raccogliere adesioni in vista delle prossime elezioni nell'ateneo.
"Fuori i fascisti dall'università", hanno gridato gli autonomi sostenuti in particolare dal gruppo Askatasuna. Una bomba carta è esplosa nell'atrio dell'ateneo, mentre gli agenti hanno deciso alcune cariche "di alleggerimento" per respingere il gruppo degli antifascisti. Quattro poliziotti in borghese sono rimasti leggermente feriti, uno di loro è ricoverato per una contusione alla testa. Tre i giovani fermati.
Lasciato Palazzo Nuovo, un centinaio di studenti del gruppo antifascista hanno occupato il salone del rettorato in via Verdi. Chiedono al rettore Ezio Pelizzetti "di prendere una posizione precisa verso questi fatti che non si devono più ripetere". In una conferenza stampa, gli studenti denunciano che la presenza delle forze dell'ordine all'interno di Palazzo Nuovo era "immotivata": "Siamo stati aggrediti". E alcuni dicono di essere stati feriti.

Morale della favola: Il Fuan di Torino è diventata un'associazione di ESTREMA destra (è Azione Universitaria....basta rileggere la storia) e addirittura il fatto grave non è più l'aggressione dei collettivi ma l'ardire degli studenti di destra che hanno piazzato un banchetto di raccolta firme.

VERGOGNA!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner o cliccando su OK acconsenti all’uso dei cookie.