Vi trovate qui: Home Sezioni Università UNIVPM Il problema del parcheggio
KASABIAN :. VELOCIRAPTOR

Velocità , ritmo e una buona dose di aggressività  ecco a voi  "Velociraptor", con queste parole  è lo stesso chitarrista della band Serge Pizzorno a presentare al meglio il nuovo album targato Kasabian. Idee chiare, talento e tanta sfrontatezza hanno portato i Kasabian ad approdare verso... Leggi tutto...
Anna Calvi :. Anna Calvi

"Senza musica la vita sarebbe un errore", cosi recitava un tale di nome Friedrich Nietzsche. Poche battute della cantautrice italo-inglese Anna Calvi, sono sufficienti per darne ragione. Sfacciatamente talentuosa, si presenta al suo debutto con una ricercatezza stilistica e una personalità ... Leggi tutto...
Opshop :. Until The End Of Time

Stavolta la bussola si indirizza verso la Nuova Zelanda e più precisamente ad  Auckland, dove si formano artisticamente gli Opshop. Dopo una gavetta in patria di quasi sette anni, dove hanno raggiunto il triplo disco di platino grazie al precendente Second Hand Planet, gli Opshop sono pronti al... Leggi tutto...
L'"Headphonk" , concerto in cuffie

A cosa pensate al sentire pronunciare o nel vedere scritto la parola "Headphonk".Forse come me vi chiedereste che cosa si saranno inventati. Qualunque cosa abbiate pensato, state tranquilli non la è di sicuro: l'"Headphonk" è tutto tranne quello che effettivamente è.Chi potrebbe mai immaginare... Leggi tutto...
La prima cosa bella

Mentre la gente al botteghino si accalcava per accaparrarsi un ticket del fenomeno da baraccone supertecnologico Avatar, tra gente che strillava ed occhialini colorati svolazzanti da una sala all'altra, con estrema serenità  ci dirigiamo verso la più bella sorpresa di questo inizio 2010,... Leggi tutto...
Interesting Automotive: La Tecnica della Sovralimentazione

Che cos’è la “sovralimentazione”?Dalla nascita del motore a combustione interna ad oggi, il progresso della tecnica meccanica ha imposto standard elevati in termini di qualità e soluzioni innovative, con il fine di migliorare le prestazioni di un propulsore.Dal tradizionale motore aspirato,... Leggi tutto...
Il musical: dalle origini ad oggi

“Se non ci fosse stato il Teatro, non avrei saputo fare altro. Il Teatro è tutta la mia vita. Pensate che a casa barcollo, m’ingobbisco, mi annoio, ma in teatro ritrovo il passo. È un’altra storia. In scena si guarisce. E poi sapete che vi dico: gli attori vivono più a lungo, perché... Leggi tutto...
Gaming ed e-sports in Italia

Il mondo dei videogiochi sembra essere inarrestabile. Un’industria multimilionaria che infrange ogni record anno dopo anno. Nel 2016 il mondo del gaming ha registrato vendite per 91 miliardi di dollari, cifra che sembra essere destinata al salire entro la fine del 2017 e l’inizio del 2018.Nel... Leggi tutto...
Ricerca Scientifica

L'innovazione è il cardine della strategia collettiva per favorire la crescita e creare occupazione. È innegabile come il benessere di un Paese dipenda dalla ricerca scientifica. La ricerca, lo sviluppo scientifico e gli avanzamenti tecnologici contribuiscono a creare nuove prospettive di... Leggi tutto...
Politica Alimentare: cos'è il Veganesimo e perché lo si sceglie

"I cibi si trasformano in sangue, il sangue in cuore e cervello, in materia di pensieri e di sentimenti. L'alimento umano è il fondamento della cultura e del sentimento. Se volete far migliorare il popolo in luogo di declamazioni contro il peccato, dategli un'alimentazione migliore, poichè l'uomo... Leggi tutto...
Satira 10.2

"Mattarellum"

Le 10 curiosità di Leo

1. In Nuova Zelanda un gruppo di ricercatori ha affermato che fare troppi “Selfie” fa cancellare i ricordi nella testa della gente.

2. Non puoi dire ‘mmmmm’ per più di 7 secondi con il naso tappato.

3. Non puoi piegare un foglio per più di 7 volte.

4. Ogni... Leggi tutto...

Facebook MySpace Twitter Digg Delicious Stumbleupon Google Bookmarks RSS Feed 

Ricerca

Rappresentanze: solo perdite di tempo?

Nell’A.A. 2017/2018 si sono svolte, all’Università Politecnica delle Marche, le elezioni studentesche per rinnovare le cariche del Consiglio Studentesco, organo universitario volto a dare voce diretta degli studenti al Rettore, al fine di proporre e/o migliorare diverse situazioni.Quanti degli... Leggi tutto...
Sciopero docenti: ha veramente senso?

I docenti universitari hanno proclamato uno nuovo sciopero dal 1 giugno al 31 luglio 2018. Le modalità sono le stesse dello scorso settembre: i professori a cui è stato assegnato almeno un corso, si asterranno dal tenere tutti gli appelli d’esame nella giornata fissata per il primo tra tutti... Leggi tutto...
I migliori anni della nostra vita

Questo articolo ha un titolo che a molti può ricordare una vecchia canzone di Renato Zero, ma allora la domanda sorge spontanea cosa c’entra con l’università? Fondamentalmente niente, probabilmente tutto.  Mi spiego meglio.Come penso già sappiate, da poco tempo l’università ha messo a... Leggi tutto...
Perchè scegliere l’erasmus

“Nei racconti veramente importanti, in quelli che rimangono nella mente... improvvisamente la gente si trovava coinvolta e quello, come dite voi, era il loro sentiero. Penso che anche essi come noi ebbero molte occasioni di tornare indietro, ma non lo fecero.” (Sam, Il Signore degli Anelli) La... Leggi tutto...
Guida galattica per universitari in erba

Sveglia presto, calendario delle lezioni a portata di mano e zaino sulle spalle. Così, milioni di studenti fanno il loro ingresso nel mondo universitario affacciandosi a quelli che dovrebbero essere tra gli anni ed i ricordi più belli della  vita. Non importa che tu abbia scelto un percorso... Leggi tutto...
Il nientologo

Il titolo parla da sè, quante volte assistiamo quotidianamenti ad interventi di nientologi? Ormai, in una società composta di individui saccenti , megalomani e perennemente sotto l'effetto Dunning-Kruger, trovare un'argomentazione è diventato facile, ma quanto è facile incappare nella trappola... Leggi tutto...
Legittima difesa: diritto di ogni cittadino

È un tema attuale quello che dovrebbe essere il diritto di ogni cittadino, ovvero la legittima difesa. Vogliamo ora analizzare la situazione nel nostro Paese confrontandola con due diverse realtà: gli Stati Uniti e la Francia. Innanzitutto bisogna fare la distinzione tra un aggressione che... Leggi tutto...
Un’immigrazione possibile?

Uno degli avvenimenti che sta segnando l’ultimo ventennio è il fenomeno dell’immigrazione clandestina. Nei telegiornali non si fa altro che parlare delle stragi che avvengono nei nostri mari, senza parlare dei disagi che arrecano questi innumerevoli sbarchi.Siamo arrivati ad una situazione in... Leggi tutto...
WENSTMINSTER, ANCHE TU!

22 Marzo 2017: ennesimo, famoso e fatidico “suv contro la folla”. Oramai, mi verrebbe da dire: “tanta incertezza mina  sicurezza e quiete di ogni cittadino mondiale”.Nizza, Berlino, vari e adesso Londra, con Westminster: disastro di incoscienza ! La giustificazione dell’apatia culturale... Leggi tutto...
Incubo Disoccupazione Giovanile

Secondo gli ultimi aggiornamenti dell’ISTAT il tasso di disoccupazione giovanile è salito al 40% raggiungendo cosi il livello più alto a partire da ottobre 2015. Lo rileva quest’organo di statistica nelle sue misurazioni sul mese di novembre 2016, dalle quali emerge che nella fascia di età... Leggi tutto...

Chi è online

 8 visitatori online

Visite totali:22139
Dal:2009-11-07
Il problema del parcheggio PDF Stampa E-mail
Scritto da Caporedattore   
Martedì 04 Luglio 2017 06:01

“…..si ci vediamo sotto casa, parcheggia lì davanti”,   “…aspettami là, parcheggia in fondo alla stradina”, “….devi andare lì sulla parallela alla via principale, ma devi parcheggiare prima e poi proseguire a piedi”. Chissà quante volte abbiamo sentito frasi di questo genere e quante altre volte siamo stati proprio noi a pronunciarle, sempre a sottolineare quella che è una necessità ormai, quasi quanto il mezzo di trasporto stesso, ovvero il “parcheggio”.

Ebbene sì, al giorno d’oggi con il traffico sempre più caotico, i tempi ristretti che abbiamo a disposizione, ma si diciamocelo pure, al ritmo di vita ormai sempre più frenetico, anche il parcheggio è diventato un ulteriore calvario per l’automobilista medio, una ulteriore regola da rispettare e soprattutto una ulteriore voce sul registro spese, purtroppo. Se poi l’automobilista in questione è uno studente ecco che il peso rischia di accrescersi ulteriormente perché tanto si sa, la categoria spesso non gode di ottime finanze e l’automobile a disposizione non rappresenta un capolavoro dell’ingegneria meccanica o l’invenzione raffinata scaturita dalle linee di grafite del top designer, ma è il mezzo di spostamento prestato dalla mamma o faticosamente acquistato con qualche stagione di lavoro oppure regalato dai nonni magari, insomma un sacrificio in più  delle nostre famiglie, lontane chilometri e chilometri. A questo punto verrebbe spontaneo chiedersi “ma di cosa ti lamenti?” Se vuoi la comodità di raggiungere la destinazione voluta senza voler fare un passo a piedi, e quindi avere l’auto sempre sotto al sedere, “paga e zitto”. Giustamente se vuoi un servizio, anche semplice e banale, occorre corrispondere la giusta contropartita e  quindi pagare e zitto. Ma la questione forse è più profonda di quello che potrebbe sembrare.
D’altronde se il parcheggio rappresentasse un reale problema forse sarebbe meglio non predisporne. Basti pensare allo Shard London Bridge o Shard of Glass, meglio noto come La Scheggia, la torre più alta d’Europa realizzata nel quartiere londinese di Southwark e progettata dal nostro connazionale e grande architetto contemporaneo Renzo Piano. Inaugurata nel 2012, l’opera firmata dell’ormai senatore a vita, è caratterizzata dalla quasi totale assenza di parcheggi (solo 60 posti auto) perché come lo stesso archi-star dichiarò: “più parcheggi costruisci, più auto arrivano”. Un concetto certamente discutibile, che all’epoca suscitò parecchi dibattiti non solo oltre La Manica tra i sudditi della regina, ma almeno frutto di un ragionamento e una idea ben precisa nell’ottica di convogliare la società verso uno sviluppo sostenibile e limitare l’inquinamento favorendo l’uso di mezzi pubblici. Queste idee e filosofie nelle nostre città facciamo fatica a riconoscere, forse anche perché qualcuno non le ha tracciate in maniera così limpida e chiara. Alzi la mano chi leggendo sui vari canali di informazione le notizie di qualche giorno fa, legate all’aumento degli incassi grazie alle multe da parte dei comuni nel 2016, non abbia, almeno in prima battuta, detto tra se e se “e vabbè, lo sapevo” o “sicuro”, magari anche pensando a qualche spiacevole episodio personalmente vissuto. Perché in fondo viene quasi spontaneo chiedersi come mai, da un anno all’altro, in certe regioni d’Italia, tra cui le Marche, si siano registrati maggiori introiti grazie alle multe in maniera consistente fino al 75%. Cosa è successo da un anno all’altro? Improvvisamente siamo diventati tutti più indisciplinati o forse i controlli sono diventati sempre più ferrei e i regolamenti sempre più fiscali. Forse tutti questi aspetti con il diverso peso contribuiscono alla causa ma, spesso tra i cittadini la sensazione di essere il bersaglio del controllore di turno è molto forte e diffusa.
Per carità nessuno chiede sanatorie o perdono per le infrazioni commesse, o peggio ancora una totale inosservanza delle regole, che tra l’altro andrebbe a discapito di tutta la comunità, ma la sensazione che quello della multa, ovvero lo strumento attraverso il quale punire legittimatamene il trasgressore, più che congegno di punizione, anche morale e civile, sia sempre più utilizzato come autentico bancomat per fare cassa è sempre più diffusa. Ecco quindi che viene naturale porre l’attenzione a tutti i mezzi che vengono messi in campo per raggiungere l’obiettivo, dall’uso incondizionato di vernice blu per delimitare il posto auto ad apparecchi talvolta anche complicati e che rendono difficile persino la semplice operazione di pagamento, basti pensare alle macchinette per il parcheggio che prima di emettere il talloncino ti chiedono il numero di parcheggio e la targa del tuo veicolo che spesso neanche ricordi, come se non fosse abbastanza dover pagare per lasciare il proprio veicolo su un spazio che di quella aliquota versata non verrà reinvestita neanche la minima parte. Peggio potremmo definire la nascita addirittura di società compartecipate dagli stessi comuni, che arruolano personale da spedire in giro per la città come gli sceriffi nei vecchi film del ben amato Western, equipaggiati con tanto di tecnologia portatile. Ma come ribadito in precedenza qui nessuno vuole accendere critiche o peggio ancora dibattiti sull’etica e la moralità di certe funzioni, per carità, però cari lettori la multa trascritta dopo appena 15 minuti di tolleranza dall’orario di scadenza sinceramente qualche serio dubbio che il ruolo del controllore sia sostituito da quello dell’esattore, te lo fa venire. Ai sensi della legge naturalmente tutto legittimo e da un certo punto di vista pure giusto, però l’accanimento e la totale oppressione che ne derivano quello forse è esagerato. Se il cittadino alle prese con la sua vita quotidiana, che magari andando a svolgere una sua commissione si deve anche preoccupare che il talloncino del parcheggio sia scaduto e non ha potuto prolungarlo per qualche contrattempo, questo forse è troppo, anche perché in fondo sono le istituzioni ad essere a disposizioni del cittadino e non il contrario. Perché in fondo da automobilista trasgressore quale sono, tutto sommato sarei anche contento se una parte almeno della mia ammenda venga reinvestita per rendere più bella la città o meglio ancora venga spesa nelle scuole laddove ci sono gli automobilisti del domani. Questo non per la necessità di avere in futuro automobilisti più disciplinati, o forse anche per quello, o più bravi nella guida, no no per questo ci saranno le strutture preposte, ma semplicemente per accrescere quella sensibilità, quel rispetto verso tutti gli utenti delle strade dai pedoni ai purtroppo spesso mal capitati ciclisti vittime di terribili incidenti.
Sperando che almeno loro, gli automobilisti del domani, possano tranquillamente tornare a pronunciare “…..ci vediamo sotto casa”, “…aspettami là, in fondo alla stradina” senza aggiungere di nient’altro.


Giuseppe Stefania