Trasporti pubblici, la solita truffa all'anconetana Stampa
Scritto da Caporedattore   
Domenica 08 Maggio 2016 18:46

Cari lettori nel corso degli anni ma soprattutto nell’anno corrente abbiamo assistito all’aumento indiscriminato dei prezzi dei titoli di viaggio, nei trasporti pubblici anconetani. Ma poco tempo fa, esattamente dalla delibera della giunta del comune di Ancona datata 1/3/2016 con l’atto numero 109, abbiamo avuto nuovi rincari dei titoli di viaggio. Il prezzo del biglietto di corsa singola è stato aumentato di 0,10 euro (dieci centesimi), mentre quello a tariffa temporale, dalla durata di 100 minuti, è ora maggiorato di ben 0,20 euro (venti centesimi).

Per quanto le cifre in questione possano sembrare all’apparenza esigue, di fatto per la vita quotidiana di ogni singolo studente non è così. Con questa ulteriore maggiorazione si va infatti ad inficiare negativamente sulla vita quotidiana degli studenti, incrementando le già onerose e gravose spese che sono tenuti a sostenere.
Oltre al rincaro dei prezzi, ulteriore perplessità ricade nella assoluta mancanza di giustificazioni per la decisione presa. Questo nuovo aumento non ha portato miglioria alcuna al servizio nella sua complessità e paradossalmente il rincaro dei prezzi arriva nel momento storico in cui il prezzo del petrolio non è come tutti si aspettano in aumento, ma per assurdo è in calo. La Lista“Università Europea-Destra Universitaria” condanna severamente e senza remore questa misera politica degli aumenti, portata avanti dalla giunta comunale con il solo scopo di battere cassa, in modo autoritario e monopolistico, forte non della qualità del servizio offerto ma solo della totale mancanza di concorrenza nel settore.
Un ulteriore problema da  mettere in evidenza è l’immenso disagio riscontrato da parte degli studenti che quotidianamente usufruiscono di tali servizi per raggiungere i poli universitari di Montedago e Torrette; specialmente nelle ore mattutine, dove è evidente ormai la clamorosa mancanza di sicurezza per i passeggeri che si trovano a percorrere lunghi tragitti all’interno degli autobus di linea, costipati in spazi ristrettissimi e claustrofobici e spesso forse anche in numero superiore al dovuto. Tutto ciò a nostro avviso, è frutto di una cattiva gestione del servizio da parte del Comune, che anziché preoccuparsi dell’aumento dei prezzi dovrebbe trovare una soluzione a questo problema, attraverso l’inserimento in programma di corse aggiuntive.
La nostra lista oltre a denunciare questa inefficienza continuerà a battersi, oltre che per un abbattimento dei prezzi, anche per avere corse in più, un servizio migliore e più sicuro e consono alle persone che lo utilizzano.
Infine auspichiamo che di fronte ai disagi denunciati, la giunta comunale faccia un passo indietro su quanto deciso e dimostri una vera e propria volontà di dialogo con noi studenti, (attraverso gli organi eletti e preposti a tali compiti), così da poter dire che la soluzione adottata finora fosse dovuta solo ad un irrazionale abbaglio temporaneo. Concludendo, ricordiamo che una gestione che rende frustrati e infelici tutti i cittadini è sempre e solo condannabile poiché porta ad un lento ma progressivo inutilizzo del servizio fornito.

 

Davide Frisco

Ultimo aggiornamento Domenica 08 Maggio 2016 19:11
 
Altri Articoli :
» Ancona città universitaria
» Accessibilità, questa sconosciuta
» Ersu, com'è facile rimanere esclusi
» Rossi c'è, il 46 no
» Ancona, la brutta copia di Roma